Tornano anche le competizioni nazionali

Terni 9 maggio e Riccione 16 maggio

Tommaso impegnato durante la fase a gironi

Tommaso impegnato durante la fase a gironi

Il ritorno alle competizioni nazionali, sia Master che “Under”, ha segnato la definitiva ripresa delle attività agonistiche per la scherma. Un momento importante, e quanto mai atteso, considerando che lo stop si è protratto per 15 mesi, un tempo lunghissimo dove gli atleti hanno dovuto trovare gli stimoli per proseguire gli allenamenti nelle attività societarie, e poco altro.

Le gare si sono svolte in un clima sicuramente diverso da quello che abbiamo lasciato, soprattutto nelle gare dei più giovani si è sentita la mancanza degli spalti gremiti, ma dall’altra parte ha fatto godere a tutti una competizione con un parterre ordinato, ed una atmosfera che ha favorito la massima concentrazione da parte di tutti. I protocolli sono stati rispettati in maniera rigorosa, consentendo di partecipare alle competizioni nella massima sicurezza possibile, e difatti nel mondo della scherma, a oramai due mesi dal ritorno alle competizioni agonistiche (prima con le varie fasi regionali), non si sono registrati episodi di contagi, cosa che invece è avvenuta in altri contesti sportivi. Insomma la scherma è ripartita magari con minore fretta, ma con la certezza di riuscire a garantire standard si sicurezza elevati.

Premiazione della gara Master di Terni

Premiazione della gara Master di Terni

Dal punto di vista agonistico, abbiamo avuto due atleti impegnati in queste prima competizioni tricolori. Nella competizione Master a Terni è scesa in pedana la nostra Lavinia, una eccezione nel nostro Circolo che non rpevede corsi di avviamento per aspiranti schermitori adulti, che al ritorno alle gare ha cambianto categoria passando alla II (50-59 anni). Purtroppo non ha confermato nella prima uscita la sequenza di podi che si era interrotta causa covid la scorsa stagione, perdendo alla priorità l’assalto valevole per l’accesso alle semifinali. Si riparte comunque con un 6° posto, che certamente è migliorabile nella prossima gara di Carrara, ultima prima dei campionati italiani a Bressanone.

Nella kermesse dei più giovani a Riccione, abbiamo qualificato il solo Tommaso nella gara della categoria “Giovani”. Diciamo anche che qualificarsi nel fioretto in Piemonte non è impresa semplice, visti i pochissimi posti a disposizione, appena due per categoria, ma certamente nella gara di qualificazione della categoria “Cadetti” si poteva fare qualcosa di più. In ogni caso per il nostro Circolo era importante comunque esserci in questa manifestazione, a testimoniare un ulteriore passo in avanti nella crescita agonistica del nostro gruppo di giovani atleti. Siamo comunque la squadra nel settore giovanile più numerosa, e con l’età media più bassa nel settore Assoluto, quindi in futor possiamo solo crescere. Tommaso ha affrontato una gara difficile, lui al primo anno da cadetto messo in una gara con atleti anche 5 anni più grandi, ed in alcuni casi già passati al professionismo, allenandosi con costanza e serietà. Partito agli ultimi posti della “entry list” dei partecipanti, ha vinto due assalti del girone, e un altro lo ha perso all’ultima stoccata, riuscendo a qualificarsi per il tabellone di eliminazione diretta, e concludere con un onorevole 84°, un punto di partenza per la prossima stagione.

Adesso per i nostri ragazzi ci sono davanti ancora due impegni agonistici ufficiali: il 12 e 13 giugno saranno in pedana i nostri Under14, con una gara che sale di livello rispetto alla precedente per la presenza dei fiorettisti pari età della Liguria, mentre i grandi saranno impegnati il fine settimana successivo nel secondo giro dei campionati regionali. Entrambe le competizioni si svolgeranno a Torino presso il Palazzetto Le Cupole di Via Artom 111, ma non saranno ancora aperte al pubblico.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>