Cavour : un oro e un argento dalle nostre squadre U14

Cavour (To), 7 e 8 aprile 2018

Quello appena trascorso è stato sicuramente un fine settimana esaltante per i nostri colori. Nelle competizioni regionali che hanno avuto luogo a Cavour, amena località vicino a Pinerolo, tutti i nostri atleti in gara hanno saputo dare il massimo, mettendo a frutto i miglioramenti già visti durante le ultime competizioni, ma soprattutto il grande impegno messo in ogni allenamento. Possiamo vantarci di avere ragazzi che dall’inizio della stagione, cioè dai primi di settembre, ad oggi hanno mancato appena un solo allenamento. Veramente un impegno importante.

La nostra squadra Ragazzi/Allievi sul podio

La nostra squadra Ragazzi/Allievi sul podio

La prima gara del sabato ha visto impegnata la nostra compagine categoria Ragazzi/Allievi (2004-2005), opposta a due formazioni del circolo schermistico di Chivasso. Peccato per la scarsa partecipazione, ma questo non ha tolto nulla al valore della prestazione dei nostri ragazzi Lorenzo A., Marco e Gabriele. Il primo match, che ci ha opposti alla squadra A di Chivasso, non ha visto partire benissimo i nostri, la sconfitta 29-45 è stata contenuta tutta (o quasi) nell’ultimo match di Lorenzo, che ha evitato un punteggio molto più severo. Molto meglio nel secondo incontro con la squadra B, dove i nostri conducevano un serrato testa a testa concluso vittoriosamente con il punteggio di 40-34. Il trend di crescita positiva si confermava nella semifinale, sempre contro la squadra B di Chivasso, dove i nostri ragazzi partivano in vantaggio e ci restavano fino alla fine, vincendo 45-38. In finale, nuovamente con la squadra A, era un’altra musica rispetto al primo match della giornata. Anche se il punteggio finale ci ha visto soccombere 34-45, fino al terz’ultimo match eravano ancora molto vicini ai nostri avversari, una maggiore esperienza e forse cattiveria agonistica, avrebbe forse potuto permetterci di giocarci il titolo fino alla fine, considerando anche la nuova rimonta finale di Lorenzo. Resta comunque una buona prestazione, che ha visto la squadra crescere di incontro in incontro, e questo secondo posto è stato certamente guadagnato e bisogna andarne fieri.

Mentre i nostri U14 combattevano nella gara a squadre, in pedana salivano anche Visal e Giulio nella competizione Assoluta, valida come qualificazione per la Coppa Italia individuale. Per i nostri due ragazzi queste gare servono prima di tutto per accumulare esperienza, per Giulio che come 2003 è al primo anno di gare con gli Assoluti, e per Visal che più grande di età ha cominciato però a fare scherma da poco più di un anno. I nostri due alfieri però non tiravano indietro il braccio, e Giulio concludeva con un positivo bilancio di 3 vittorie e 2 sconfitte il girone. Lottava anche Visal, e con 1 vittoria riusciva comunque a passare il primo taglio, e non è male. Nella prima diretta Visal usciva contro il n.12 della gara, mentre Giulio trovando un avversario peggio classificato riusciva ad entrare nel tabellone da 16. Qui però incappava in un esperto fiorettista torinese quale Rey, che poi vincerà la gara, al quale poteva opporre solo una fiera resistenza. Classifica finale con Giulio 14° e Visal 21°, si qualificavano in 9 alla fase finale, peccato! ma tra due settimane ci sarà l’occasione di riproporsi con la Coppa Italia di categoria.

I nostri Maschietti/Giovanissimi sul gradino più alto del podio

I nostri Maschietti/Giovanissimi sul gradino più alto del podio

Domenica in pedana la nostra squadra Maschietti/Giovanissimi (2006-2007) con Lorenzo M., Luca, Tommaso e Matteo. Importante per noi avere avuto anche una riserva, che dando il cambio ai titolari di volta in volta a permesso a tutti di tirare il fiato e arrivare in finale più riposati dei nostri avversari. Partendo dal primo turno, con 2 gironi da 3 squadre ciascuno, Qui trovavamo prima la compagine B di Cuneo, sconfitta 36-10, e poi la squadra femminile di Chivasso, in quanto unica rappresentativa femminile presente è stata accorpata ai maschietti. Grande applauso alla società chivassese che ha pienamente onorato la manifestazione, ed alle sue bambine che hanno lottato senza paura contro i maschi, riusciendo alla fine ad arrivare al 3° posto. Con due vittorie i nostri accedevano direttamente in semifinale, dove ritrovavano le ragazze di Chivasso, uscite vittoriose dal “quarto” che le vedeva opposte ai maschi del Club Scherma Torino. Ancora una vittoria dei nostri per 36-16, e si volava in finale dove ad attenderci c’era la squadra A di Cuneo, vittoriosa 36-15 contro i padroni di casa de La Maschera di Ferro. Il match si è messo subito in salita per i nostri, con la sconfitta 1-4 patita da Luca nei confronti del n.1 avversario Mansour. Toccava a Matteo ribaltare la situazione, portandoci in vantaggio 8-5. Da qui in poi il risultato ha cominciato ad pendere alternativamente per poi e per loro, a seconda dell’accoppiamento in pedana. Forse però la prima svolta a nostro favore l’ha data Tommaso, quando opposto al mancino Mansour, è riuscito a contenere la rimonta, terminando con la nostra squadra ancora in vantaggio di due lunghezze. Al penultimo assalto andiamo però in crisi, con Pellegrino che trovava Luca nel peggior assalto della giornata, e lasciava l’incontro all’ultimo assalto con Cuneo in vantaggio 30-29. L’ultimo match vedeva opposti Matteo e Mansour, un avversario con cui il nostro ha purtroppo sempre perso. Ma c’è sempre la prima volta. Matteo impattava dopo pochi secondi, e riusciva ad andare in vantaggio. L’avversario reagiva, e Matteo subiva 3 punti consecutivi. Lo strappo di due punti veniva però ricucito caparbiamente da Matteo, ed eravamo nuovamente in parità 33-33. Matteo, preso forse dall’euforia del momento positivo, precipitava due attacchi, che portavano però come risultato il vantaggio 33-35 per Cuneo. Sembrava fatta per loro, ma è in questo frangente che Matteo mostrava un approccio diverso rispetto alle ultime gare, invece di abbatersi reagiva, e con due belle botte faceva accendere solo una luce, la nostra. Finale da togliere il respiro sul 35 pari, il primo attacco di Matteo terminava fuori, ma l’avversario non riusciva a colpire con precisione: luce bianca. L’arbitro li rimetteva in guardia, pronti…a voi…Matteo scattava in avanti, l’avversario sorpreso cercava una fuga disperata, ma Matteo con un affondo riusciva a colpire. Luce verde, siamo campioni!!!

Festa grande in tribuna, dove eravamo rimasti praticamente solo noi e i supporter di Cuneo, e grandi abbracci tra i ragazzi, che hanno lottato fino in fondo ribaltando il pronostico che ci vedeva perdenti. Grande Vittoria, che in questa categoria ci mancava dal 2015. Concludiamo la stagione delle gare regionali con un titolo, un secondo posto e due buone prestazioni dei nostri ragazzi più grandi, adesso sotto con gli allenamenti che già sabato saremo in pedana a Rapallo per la terza prova interregionale GPG…………..C’moooon Ramon!!

#roadtoRiccione2018

2° prova Nazionale Kinder+Sport – ASSISI

Assisi, 24-25 marzo 2018

Luca e Lorenzo con la campionessa Valentina Vezzali

Luca e Lorenzo con la campionessa Valentina Vezzali

Bella trasferta quella di Assisi. Il tempo clemente, non faceva caldissimo ma il tempo era sereno, ci ha permesso di godere appieno delle bellezze di questa cittadina umbra, così carica di storia non solo religiosa. Già al venerdì abbiamo pacificamente invaso il centro storico, visitando le principali chiese e musei nella quantità che il tempo ha permesso.

Le gare cominciavano sabato, con in pedana subito i nostri due “Giovanissimi” (2006) Matteo e Tommaso. Entrambi erano molto ansiosi di gareggiare, per loro sono ancora le prime gare importanti della carriera, e la cosa non ha giovato alla loro prestazione. Matteo è riuscito a battere la testa di serie del girone e n.8 d’Italia Bonardi, vendicando la sconfitta patita dallo stesso alla precedente prova di Asti, ma incappava in due sconfitte che lo mettevano dietro nella classifica dopo i gironi. Maluccio Tommaso, anche questa volta come a Rapallo eccessivamente nervoso, che finiva per perdere tutti gli assalti. Condannato dalla classifica a disputare il primo assalto per accedere al tabellone da 128 riusciva a passarlo a spese del milanese Demodena col punteggio di 10-5. Stesso punteggio che però gli veniva inflitto dal veneto Zanon che lo estrometteva dalla gara. Matteo accedeva già al tabellone da 128 dove ingaggiava un apro duello con il livornese Biondi. Botta dopo botta i due restavano sempre appaiati, e solo il punto nel minuto supplementare rompeva l’equilibrio a favore del nostro. Nell’assalto dopo Matteo pagava però lo sforzo e la tensione accumulati fino a quel momento, cendendo senza troppa lotta al pisano Tenze. La classifica finale vedeva Matteo al 48° posto e Tommaso al 127° su 164 partencipanti.

All’ora di pranzo salivano in pedana i più piccoli della categoria “Maschietti” (2007), per noi Luca e Lorenzo M. Anche per loro si è vista subito molta tensione per la gara, ed insolitamente Luca non brillava molto nel girone, dove per altro era testa di serie, raccimolando 3 vittorie e 2 sconfitte. Sulla stessa tonalità anche Lorenzo M. che chiudeva con 4 vittorie e 2 sconfitte. Primo assalto di diretta fatale per il nostro Lorenzo M., che usciva sconfitto dal bergamasco Villa per 7-10, pur lottando fino all’ultimo punto. Luca passava bene con il ligure Tabone per dare vita ad una entusiasmante battaglia con l’anconetano Chiarini, uno dei più forti della sua categoria. Assalto al cardiopalma risolto per un solo punto a favore del marchigiano: 7-8, con gli ultimi 30 secondi veramente sfortunati per il nostro Luca che non riusciva a mettere a segno la botta del pareggio. Concludevano la gara rispettivamente Luca al 57° e Lorenzo M. al 71° posto su 165 partecipanti.

Marco e Matteo con il maestro Paolo

Marco e Matteo con il maestro Paolo

Dopo la bella cena conviviale del sabato, dove il nostro Circolo ha letteralmente occupato tutto il salone ristorante, messo l’orologio avanti di un’ora è arrivata la giornata di domenica per i nostri atleti più grandi. Primi in pedana nella gara “Ragazzi” (2005) Gabriele e Marco, quest’ultimo al suo esordio in una gara così importante. I nostri hanno lottato come sempre, ma ancora non riescono a tradurre il lavoro in risultati concreti. Gabriele soprattutto, avendo perso per tre incontri nel girone per un solo punto, di cui due nell’extra-time. Concludevano la gara Gabriele 111° e Marco 135° su 143 partecipanti.

Bei miglioramenti quelli messi in pedana da Lorenzo A, nell’ultima gara che vedeva nostri atleti impegnati, la categoria “Allievi” (2004). Girone chiuso con 4 vittorie e 2 sconfitte. Prima diretta contro il romano Maddalena. Assalto condotto da Lorenzo sempre in vantaggio di 4-5 punti, e chiuso con un bel rush finale con il punteggio di 15-10. Nell’assalto successivo toccava al frascatano Iacuitto. Prima parte del match equilibrata, poi sembrava che il laziale dovesse arrivare ad una facile vittoria, con il punteggio che volava sul 8-14. Qui Lorenzo A. cambiava marcia, e soprattutto testa, rimotando punto su punto ad un esterefatto avversario. La prima frazione si chiudeva 13-14. Dopo il minuto di pausa, e il giusto consiglio del Maestro, arrivava subito anche la botta del pareggio. Sembrava oramai vicinissima l’impresa clamorosa, quando ancora un’altra volta la sfortuna decideva di metterci il suo timbro, questo era una parata e risposta inefficace di Renzo che rendeva possibile la rimessa di Iacuitti, e la botta della vittoria. Peccato perchè alla fine della gara il 46° posto ci sta decisamente stretto.

Abbiamo quindi un qualche credito con la fortuna, che ci ha stoppato in modo riccambolesco almeno due gare che potevano essere di ben altro spessore, si lavorerà per i prossimi impegni agonistici, sperando di riuscire a incassare questo credito al campionato italiano U14 a Riccione.

#roadtoRiccione2018

Le gare U14 di Monguzzo e Rapallo #roadtoRiccione2018

Rapallo 18 febbraio 2018

Febbraio è stato un mese dove l’attività del Circolo si è concentrata sulla preparazione del rush finale della stagione in corso, che ci porterà alla gare più importanti di tutte le categorie.

Due sono state le gare alla quale hanno preso parte i nostri U14 : Monguzzo, in provincia di Como per il “trofeo Ferrante”, e Rapallo per la seconda prova stagionale del trofeo “Antico Castello”.

Lorenzo e il M° paolo alla gara di Monguzzo

Lorenzo e il M° paolo alla gara di Monguzzo

Nella gara comasca era in pedana Lorenzo A., nella categoria Ragazzi/Allievi. Buona partecipazione sia come numeri che come qualità dei partecipanti. Girone chiuso con una sola sconfitta patita dal bergamasco Belcastro solo al minuto supplementare. Un po’ di sofferenza nella prima diretta, poi un assalto al batticuore con il n.1 della gara Linelli, del circolo di Bresso, chiuso con una vittoria 15-14. Peccato per l’ultimo assalto tirato con il bustocco Gadda, chiuso con una sconfitta che precludeva la strada per il podio. Complessivamente una buona gara, che ha mostrato sicuramente dei progressi rispetto a quella poco fortunata di Asti.

Due podi per i nostri invece a Rapallo, entrambi nella categoria Maschietti/Giovanissimi. Luca e Matteo, che stanno diventando due solide realtà del Circolo, hanno occupato assieme il gradino più basso del podio. Per Luca è stata una bellissima gara, cominciata con un girone

Luca e Matteo con il M° Paolo dopo la premiazione a Rapallo

Luca e Matteo con il M° Paolo dopo la premiazione a Rapallo

fatto di 4 vittorie e 1 sola sconfitta, Proseguita conuna vittoria sul bustocco Sestagalli e poi l’incredibile vittoria per 10-4 su bergamasco Biondi, di un anno più grande e vincitore della prima prova. In semifinale cedeva dopo un bell’assalto al gallaratese Bonardi, vincitore della gara e n.8 del ranking italiano della categoria superiore. Gran bella gara, impreziosita anche dalla trofeo destinato al miglior classificato del 2007 (nonchè anche unico tra i primi 8). Bravo anche Matteo, che nonostante una giornata non brillantissima, da punto di vista nervoso (era veramente teso sin dal riscaldamento) è riuscito lo stesso ad agguantare il podio, dimostrando una certa solidità tecnica che gli consente oramai di piazzarsi tra i primissimi ad ogni gara. Adesso Matteo dovrà lavorare sulla parte emotiva, imparando a gestire meglio certe situazioni di stress che lo portano spesso a strafare. Considerando che parliamo di un 2006 direi che il tempo per migliorare c’è tutto, e noi non abbiamo nessuna fretta.

Peccato per gli altri nostri alfieri in gara, che non hanno mostrato fino in fondo i loro recenti miglioramenti. Tommaso è stato forse troppo condizionato dalla bella gara di Asti, sentendosi in dovere non solo di ripetersi ma anche di migliorarsi. Questo lo ha portato a perdere troppi assalti per 1 solo punto, ma anche questa è una utilissima esperienza che servirà a crescere in vista delle prossime gare. Marco alle prime gare della carriera dve riuscire ad acquisire quell’esperienza che serve per andare avanti in una gara, Gabriele lavora tanto ma in gara non riesce ancora a dare tutto quello che è nelle sue potenzialità

Si continua a lavorare, prossima tappa la gara nazionale di Assisi a fine marzo, e li andremo tutti a caccia del nostro prossimo miglioramento. C’mooooon Ramon!!!!

Le foto di Monguzzo e Rapallo

 

Prova zonale assoluta di Zevio

Zevio (VR), 28 gennaio 2018

Visal e Giulio a Zevio prima di salire in pedana

Visal e Giulio a Zevio prima di salire in pedana

Il Circolo ritrona sulle pedane di una gara assoluta con Giulio e Visal che si sono misurati nella difficile prova di qualificazione a Zevio, vicino a Verona.

Competizione difficile perchè essendo della categoria Assoluta erano presenti tutti gli atleti dalla categoria Cadetti fino ai Master. 

Per i nostri due atleti c’era anche l’emozione per la prima prova nazionale dopo il percorso degli U14 per Giulio, e prima gara assoluta per Visal, se si esclude la prova regionale di inizio mese.

I nostri ragazzi hanno lottato su ogni assalto, ma la mancanza di esperienza è stata spesso determinante nell’esito degli assalti. Per Giulio è arrivata comunque una vittoria, per rompere il ghiaccio in vista delle prossime competizioni.

Sicuramente è stata per entrambi una utilissima esperienza, in una gara importante dove hanno visto in azione alcuni tra i migliori fiorettisti italiani, e sappiamo che nel nostro sport è anche componente fondamentale l’emulazione degli atleti più forti ed esperti. Adesso ripartiamo da qui per continuare la nostra stagione, ma soprattutto il nostro percorso di miglioramento. C’nooooooom Ramon!!

GIORNATA DELLA MEMORIA

27 gennaio 1945 – 27 gennaio 2018

Attila Petschauer

Attila Petschauer

Anche la scherma, quale sport e quindi momento educativo, non deve perdere di vista i valori fondanti della nostra società: amicizia, solidarietà, rispetto, che altro non sono che i valori del nostro sport.

Nella giornata della Memoria vogliamo qui brevemente ricordare la figura di un grande schermitore : Attila Petschauer, sciabolatore della nazionale ungherese con la quale vinse la medaglia d’oro alle olimpiadi del 1928 e 1932.

Nato nel 1904, a soli 19 anni si mise in evidenza giungendo al 3° posto nei campionati europei (allora non esistevano ancora i campionati del Mondo), e vincendo diversi importanti tornei internazionali. Per le sue eccezionali noti schermistiche si guadagnò il soprannome di “nuovo D’Artagnan”.

Con l’invasione tedesca durante la seconda guerra mondiale, arrivarono per lui i momenti difficili, perseguitato come milioni di altri esseri umani per la sua appartenenza a quella che i nazisti definirono “razza ebraica”. Arrestato e deportato in un campo di concentramento in Ucraina, vi morì in modo atroce il 20 gennaio 1943.

Le guardie hanno gridato: “Tu, vincitore della medaglia olimpica. . . vediamo come riesci ad arrampicarti sugli alberi“. Era in pieno inverno e il freddo era pungente, ma gli ordinarono di spogliarsi, quindi scalare un albero. Le guardie divertite gli ordinarono di cantare come un gallo e lo spruzzarono d’acqua. Congelato dall’acqua, morì poco dopo.

Per non dimenticare.