Coppa Italia Cadetti e GIovani

Rovigo, 28/29 aprile 2022

IMG-20220428-WA0010Si torna da Rovigo senza nessun pass per la fase finale dei campionati italiani di categoria, un vero peccato visto che comunque potevano esserci le premesse perchè qualcuno dei nostri ragazzi quest’anno potesse meritarsi questa partecipazione. Non è stata una stagione fortunata, e anche le ultime gare non si sono sotratte a questa regola. Nella gara della categoria Cadetti, gli atleti nati dal 2005 al 2007, abbiamo schierato in pedana cinque elementi: Tommaso Giraudo, Matteo Borgogno, Luca Juravle, Filippo Alfano e Marco Dealessi. Tutti quanti riuscivano a superare il taglio del primo turno, Luca, Tommaso e Marco con 4 vittorie 2 sconfitte, Matteo con 3 vinte e 3 perse, Filippo in coda con 2 vittorie. I primi saltavano l’assalto del tabellone da 128, mentre per Matteo e Filippo questo primo assalto del tabellone di eliminazione diretta risultava fatale, mentre nel seconto giro del tabellone da 64 cadevano anche Marco e Tommaso, quest’ultimo tormentato da problemi fisici. Passava il solo Luca, che unico accedeva all’assalto finale nel tabellone da 32, per conquistarsi uno dei 16 posti disponibili per la qualificazione. Purtroppo non incappava nell’avversario migliore, il gallaratese Bonfanti che già nel girone lo aveva sconfitto nettamente, ed anche in questo assalto non c’era quasi mai storia, ed il nostro ultimo rappresentante veniva estromesso dalla gara.

Il giorno successivo, venerdì 29, in pedana solo Matteo e Tommaso, unici a qualificarsi per questa manifestazione riservata agli under 20 ed ai soli Cadetti capaci di disputare almeno uno dei due tornei nazionali di qualificazione. Per Matteo, come a La Spezia, la gara terminava già nel girone di qualificazione, terminato con una sola vittoria all’attivo. Meglio Tommaso, che nonostante i problemi di salute, chiudeva con 3 vittorie e la qualificazione al tabellone da 128. Seconda fase nella quale però cedeva al siracusano Tirella, mettendo fine alla sua gara ed anche alla stagione dei grandi.

Nonostante le buone premesse, quest’anno non siamo quasi mai riusciti ad essere protagonisti della nostra stagione. Sono stati raggiunti risultati lusinghieri in termini di partecipazione, avendo comunque una squadra interamente di Under17, siamo riusciti a piazzare Tommaso in entrambe le gare della categoria superiore, mentre nella seconda anche con Matteo, ma nelle prove di qualificazione di categoria abbiamo centrato appena un 64 con Matteo, e tanti altri rimpianti e contrattempi che hanno segnato un po’ tutta la nostra stagione. Purtroppo lo sport è anche questo, bisogna però sapere fare tesoro anche delle esperienze negative, che fanno parte del percorso agonistico di ogni atleta, e ripartire ponedosi come target le competizioni della prossima stagione, dove sicuramente raggiungeremo qualche obiettivo di rilievo.

Campionati Regionali Under17&Under20

Torino, 9 aprile 2022

Giornata sanza particolari acuti quella che ha visto impegnati i nostri ragazzi a Torino, per i Campionati Regionale Cadetti e Giovani. La gara priva di valore per il ranking, non ha evidentemente stimolato abbastanza la voglia agonistica, riducendosi ad un’occasione di allenamento fuori dalla palestra, comunque sempre utile. Prosegue però il digiuno di podi di questa stagione, che dopo 16 anni rischia di entrare in negativo nella nostra storia. Solo due gironi quelli presenti alla gara, con i nostri quattro partecipanti equamente divisi. La termine della prima tornata, solo Luca era nella prima metà della classifica, mentre Matteo, Marco e Tommaso erano tutti attestati nelle retrovie. Nel primo turno dell’eliminazione diretta veniva eliminato Marco, mentre gli altri tre accedevano tutti al tabellone degli otto. Qui però solo Matteo riusciva a giocarsi l’assalto fino alla fine, venendo però sconfitto, mentre sia Luca che Tommaso perdevano abbastanza nettamente. Occasione di allenamento comunque valida, come già detto, utile a preparare le prossime due competizioni che vedranno i nostri in pedana, entrambe per la Coppa Italia. Prima a Cavour per la selezione regionale di quella assoluta, molto difficile visto il solo posto a disposizione assegnato dalla federazione al Piemonte, mentre a Rovigo ci sarà quella per le categorie Cadetti e Giovani, dove invece saranno i primi 16 a staccare il pass per i campionati italiani di categoria in programma a Catania.

Tornano anche le competizioni nazionali

Terni 9 maggio e Riccione 16 maggio

Tommaso impegnato durante la fase a gironi

Tommaso impegnato durante la fase a gironi

Il ritorno alle competizioni nazionali, sia Master che “Under”, ha segnato la definitiva ripresa delle attività agonistiche per la scherma. Un momento importante, e quanto mai atteso, considerando che lo stop si è protratto per 15 mesi, un tempo lunghissimo dove gli atleti hanno dovuto trovare gli stimoli per proseguire gli allenamenti nelle attività societarie, e poco altro.

Le gare si sono svolte in un clima sicuramente diverso da quello che abbiamo lasciato, soprattutto nelle gare dei più giovani si è sentita la mancanza degli spalti gremiti, ma dall’altra parte ha fatto godere a tutti una competizione con un parterre ordinato, ed una atmosfera che ha favorito la massima concentrazione da parte di tutti. I protocolli sono stati rispettati in maniera rigorosa, consentendo di partecipare alle competizioni nella massima sicurezza possibile, e difatti nel mondo della scherma, a oramai due mesi dal ritorno alle competizioni agonistiche (prima con le varie fasi regionali), non si sono registrati episodi di contagi, cosa che invece è avvenuta in altri contesti sportivi. Insomma la scherma è ripartita magari con minore fretta, ma con la certezza di riuscire a garantire standard si sicurezza elevati.

Premiazione della gara Master di Terni

Premiazione della gara Master di Terni

Dal punto di vista agonistico, abbiamo avuto due atleti impegnati in queste prima competizioni tricolori. Nella competizione Master a Terni è scesa in pedana la nostra Lavinia, una eccezione nel nostro Circolo che non rpevede corsi di avviamento per aspiranti schermitori adulti, che al ritorno alle gare ha cambianto categoria passando alla II (50-59 anni). Purtroppo non ha confermato nella prima uscita la sequenza di podi che si era interrotta causa covid la scorsa stagione, perdendo alla priorità l’assalto valevole per l’accesso alle semifinali. Si riparte comunque con un 6° posto, che certamente è migliorabile nella prossima gara di Carrara, ultima prima dei campionati italiani a Bressanone.

Nella kermesse dei più giovani a Riccione, abbiamo qualificato il solo Tommaso nella gara della categoria “Giovani”. Diciamo anche che qualificarsi nel fioretto in Piemonte non è impresa semplice, visti i pochissimi posti a disposizione, appena due per categoria, ma certamente nella gara di qualificazione della categoria “Cadetti” si poteva fare qualcosa di più. In ogni caso per il nostro Circolo era importante comunque esserci in questa manifestazione, a testimoniare un ulteriore passo in avanti nella crescita agonistica del nostro gruppo di giovani atleti. Siamo comunque la squadra nel settore giovanile più numerosa, e con l’età media più bassa nel settore Assoluto, quindi in futor possiamo solo crescere. Tommaso ha affrontato una gara difficile, lui al primo anno da cadetto messo in una gara con atleti anche 5 anni più grandi, ed in alcuni casi già passati al professionismo, allenandosi con costanza e serietà. Partito agli ultimi posti della “entry list” dei partecipanti, ha vinto due assalti del girone, e un altro lo ha perso all’ultima stoccata, riuscendo a qualificarsi per il tabellone di eliminazione diretta, e concludere con un onorevole 84°, un punto di partenza per la prossima stagione.

Adesso per i nostri ragazzi ci sono davanti ancora due impegni agonistici ufficiali: il 12 e 13 giugno saranno in pedana i nostri Under14, con una gara che sale di livello rispetto alla precedente per la presenza dei fiorettisti pari età della Liguria, mentre i grandi saranno impegnati il fine settimana successivo nel secondo giro dei campionati regionali. Entrambe le competizioni si svolgeranno a Torino presso il Palazzetto Le Cupole di Via Artom 111, ma non saranno ancora aperte al pubblico.

Con il 2021 tornano le competizioni agonistiche

Torino, 23 gennaio 2021

slide_logoFinalmente comincia a verdersi una piccola luce in fondo al tunnel, grazie al progressivo miglioramento della situazione pandemica si cominciano nuovamente ad affacciare le competizioni nel nostro calendario agonistico.

Il primo fine settimana di febbraio potrebbe segnare l’ufficiale ripartenza, con la seconda edizione dell’International Fencing Challenge di Brescia, competizione che nella scorsa stagione riscosse un grande successo. Naturalmente si tratterà di una gara diversa, dove dovranno essere rispettati tutti i vigenti protocolli in materia di manifestazioni sportive. Avremo quindi un numero chiuso di partecipanti per ogni categoria, il limite di un solo accompagnatore per atleta, essendo una competizione riservata alle categorie Under14, con assegnazione dei posti a sedere in tribuna, percorsi separati per gli atleti, i tecnici ed i pochi spettatori, e per accedere alla struttura sarà necessario per tutti sottoporsi al tampone rapido di controllo. Ulteriore sforzo organizzativo per il C.O.L. con l’aggiunta di un giorno di competizioni rispetto alla scorsa edizione, per consentire il rispetto del numero massimo di presenze giornaliere all’interno della struttura. Parlando però della parte sportiva, che dovrà comunque essere quella più importante, lo scorso anno il nostro Luca Juravle si classificò al 6° posto della gara Ragazzi/Allievi, al termine di una prestazione per lui veramente buona, nonchè 1° classificato della sua categoria. Quest’anno ci riproverà presentandosi come “Allievo”, all’ultimo anno del Gran Premio Giovanissimi. Nella stessa gara di domenica iscritti anche Lorenzo Macera (2007) e Ramon Soncin (2008). Nella stessa giornata, ma in mattinata, sarà invece in pedana nella gara Maschietti/Giovanissimi il nostro Guido Maria Frangioni (2009). Sabato, tra le altre gare in programma, ci sarà l’esordio agonistico della nostra Amanda Traverso (2010), nella categoria Bambine/Giovanissime. Le iscrizioni non sono ancora chiuse, abbiamo tempo per aggiungere qualche altro atleta alla “entry list” della competizione.

Riparte anche il calendario federale nazionale per le categorie “Cadetti” e “Giovani”. In programma a metà mese di febbraio un “Test Event” a Lignano Sabbiadoro. Saranno ben 4 le giornate di gara, che vedranno in pedana tutte e le specialità, da giovedì 11 a domenica 14. Le gare maschili saranno nel fine settimana, sabato 13 i “Cadetti” e domenica 14 i “Giovani”. Questo “Test Event”, che vedrà anche in questo caso attivi tutti i protocolli previsti per gli eventi sportivi, sarà riservato a soli 49 atleti di ogni categoria, che verranno selezionati sulla base delle pre-iscrizioni in base al ranking nazionale di categoria.

Con l’anno nuovo è anche cominciato il nostro secondo torneo sociale. Questa volta saranno 10 le prove previste, con lo scarto dei 3 peggiori risultati. In palestra sono appese le date di tutti gli appuntamenti. Naturalmente da tenere sempre d’occhio, perchè il presentarsi di possibilità di nuove attività potrebbe modificare qualche data.

Novara: doppio titolo regionale per Lorenzo. Monza: Luca 8°

Novara/Monza 9-10 novembre 2019

La premiazione di Lorenzo a Novara

La premiazione di Lorenzo a Novara

Intenso fine settimana di gare, con i nostri ragazzi più grandi impegnati sabato 9 a Novara, per i Campionati Regionali Cadetti/Giovani, e domenica 10 a Monza con il 14° Trofeo d’Autunno.

A Novara sono stati 4 i nostri ragazzi che hanno partecipato al primo campionato regionale della stagione: Marco, Gabriele e Filippo, tutti Cadetti del 2005, e Lorenzo che nella stessa categoria è al secondo anno essendo del 2004. Di fronte non solo i pari categoria piemontesi, ma anche gli atleti appartenenti ai tre anni della categoria superiore dei Giovani. Nel girone del primo turno la nostra squadra si dimezzava. Marco perdeva tutti i suoi assalti, mentre Fiippo riusciva a vincerne solo uno. Per entrambi una giornata storta, che li estromette subito dai giochi per le medaglie. Lorenzo “macchiava” la sua gara con un brutto ultimo assalto del girone, ma riusciva ugualmente a piazzarsi al n.2 del tabellone di diretta, grazie alle sue precedenti 5 vittorie. Chiudeva con il conto vittorie/sconfitte in pari Gabriele, che si collocava al n.9 del secondo turno. Nella prima diretta, lo stesso Gabriele faticava all’inizio a capire la giusta tattica da adottare contro il suo avversario, l’astigiano Bielli, poi però si portava in vantaggio e riusciva a chiudere 15-11. Nell’assalto che poteva valere il podio, non riusciva a trovare il bandolo della matassa, venendo sconfitto 7-15, chiudeva comunque con un positivo 8° posto. Lorenzo invece trovava il chivassese Fuoco, che dimostrava una bella grinta, cercando in ogni modo di mettere in difficoltà il nostro atleta. Nonostante un vantaggio di 10-3, Lorenzo non chiudeva subito, lasciando all’avvarsario una rimonta che dimezzava lo svantaggio. Ritrovava però la verve iniziale, chiudendo poi con un 15-8 a suo favore. Più agevole la semifinale, dove Lorenzo affrontava il pinerolese La Cava, a cui infliggeva un perentorio 15-6. In finale l’assalto più difficile con il torinese Rota, nel quale Lorenzo doveva anche sopportare i crampi, tanto da avere necessità dell’intervento del medico. Lorenzo stringeva i denti, e anche se subiva ben 5 stoccate consecutive dell’avversario, andando sotto 4-6, reagiva e combatteva, rimontando e portandosi in vantaggio a suo volta. Brivido finale, quando in vantaggio 14-10 subiva la rimonta dell’indomito avversario, e solo all’ultimo punto poteva esplodere la sua gioia, e quella di di tutta la squadra, che non ha smesso un attimo di fare il tifo. Per Lorenzo, Cadetto, è arrivato il titolo piemontese della sua categoria, e anche quello della categoria superiore, avendo vinto la competizione.

la premiazione di Luca a Monza

la premiazione di Luca a Monza

Domenica si viaggiava fino a Monza per la gara della categoria Ragazzi/Allievi (2006-2007), una buona occasione per mettersi alla prova in una competizione, e migliorare in vista delle prossime gare ufficiali. Come tradizion, qualcuno è rimasto out per qualche infortunio, ma sono stati comunque 3 i nostri ragazzi in gara: Matteo, unico Allievo dei nostri, Lorenzo e Luca. Questi ultimi due sono della categoria Ragazzi, ed ancora non hanno del tutto assimilato il passaggio di categoria dallo scorso anno. In particolare Lorenzo, reduce anche da una stagione costellata di infortuni, dove si è potuto allenare molto poco, e questo purtroppo lo sta pagando caro. Per lui primo turno con solo 2 vittorie e 4 sconfitte. Nonostante questo una gagliarda prestazione del primo assalto del tabellone da 32 gli consentiva di eliminare il n.12 Giordano, di Busto, per 14-12, e accedere al turno successivo. Qui però era troppo avanti per lui il bergamasco Redondi, che lo eliminava con un secco 15-3. Per Lorenzo 14° posto finale, che lo aiuterà a recuperare il tempo perduto, a patto che quest’anno riesca a essere costante negli allenamenti. Stesso punto della gara anche per Matteo, anche lui reduce da una stagione ricca di infortuni e parca di allenamento, tanto che quest’anno è riuscito a rientrare in palestra solo ai primi di ottobre. Con un mese di lavoro serio nelle gambe, non si potevano chiedere miracoli. Girone onesto, con 3 vittorie e 2 sconfitte, nella prima diretta sconfiggeva il rappresentante di Bresso Lattuada per 15-10, un match un po’ troppo sofferto a dire il vero, ma comunque portato a casa. Nell’assalto successivo incappava nel gallaratese Bonardi, che perderà il titolo solo per 1 punto in finale, con il quale se la giocava quasi fino in fondo, perdendo 10-15. Per Matteo, oltre naturalmente ad un lavoro tecnico, servirà anche imparare a dominare i nervi, che troppo spesso lo tradiscono nei momenti cruciale degli assalti. Meglio di tutti Luca, che si piazzava all’8° posto finale. Girone dove qualcosa non ha funzionato alla perfezione, con Luca che vinceva i primi 4 assalti, per cedere negli ultimi due più sul piano nervoso che schermistico. La prima diretta volava via con un facile 15-1, e anche la seconda era sua con il lombardo Nitti a cui infliggeva un netto 15-8. Nel match successivo, con l’atleta di bresso Villa, riedizione della vittoriosa finale dello scorso anno, Luca non riusciva mai ad entrare nel match. L’avversario prendeva da subito il sopravvendo, andando facilmente in vantaggio di tanti punti, e chiudendo poi per 15-8. Luca deve ancora crescere, sia dal punto di vista fisico, spesso patisce gli avversari più strutturati, ma anche nella testa, imparando a gestire la tensione che inevitabilmente fa parte della gara di chi vuole arrivare sul podio.

Chiudiamo un fine settimana positivo, con il successo di Lorenzo Andruetto a Novara, l’8° posto di Luca a Monza e di Gabriele a Novara, ed i piazzamenti al 11° e 14° posto di Matteo e Lorenzo Macera a Monza. Prossima fermata il 24 novembre a Brescia per l’International Fencing Challenge U14.