Campionato Nazionale a squadre U14

Colle Val D’Elsa, 9/10 marzo 2019

Lorenzo, Ramon e Luca durante l'inno nazionale

Lorenzo, Ramon e Luca durante l’inno nazionale

Torniamo da questa importante gara nazionale con un bel carico di esperienza, e con la consapevolezza di avere nel nostro gruppo atleti che possono avere grandi margini di miglioramento. Guardando le classifiche sembrerebbe che le gare siano state modeste, invece la pedana ha dimostrato altro, soprattutto per quanto riguarda la gara nella nostra formazione “Ragazzi/Allievi” (2005/2006). Cominciamo col sottolineare nostri due atleti con il ranking migliore, ovvero Tommaso e Matteo, sono entrambi della categoria dei “Ragazzi”, quindi con la possibilità di tornare a gareggiare qui anche il prossimo anno, e che hanno dovuto affrontare i più forti della categoria superiore. Già il girone si presentava impegnativo, con da affrontare la seconda squadra di Bresso, solo sulla carta inferiore, e quella di Agliana che era tra le favorite della vigilia (e difatti è arrivata al 2° posto finale). Con i lombardi i nostri ragazzi hanno mostrato la loro voglia di vincere, trovando in Tommaso il loro trascinatore, ed alla fine il punteggio di 45-43 per noi avrebbe potuto essere più netto solo con qualche disattenzione di meno. Nel secondo match con Agliana abbiamo retto bene fino a metà, anzi dopo il primo incontro con Tommaso che batteva Martini eravamo pure in vantaggio. Poi la differenza sia di bravura che di età si è fatta sentire, ma abbiamo ceduto con l’onore delle armi. Nella diretta ci toccava un’altra delle favorite, cioè Jesi. Anche qui siamo riusciti grazia a Tommaso a partire in vantaggio, poi anche a rifarci sotto grazie ad una parziale rimonta di Matteo, finalmente rivisto sui suoi livelli, poi però non si riusciva a restare in partita, e con due assalti improduttivi si scavava il solco che non si poteva più ricucire. Il piazzamento finale al 30° non ci rende merito pienamente, con un pochino più di fortuna avremmo potuto trovare squadre più abbordabili, ma è stata anche una buona occasione per confrontarci con i migliori, ed imparare da loro.

Un affondo di Tommaso nell'ultimo assalto dell'incontro con Jesi

Un affondo di Tommaso nell’ultimo assalto dell’incontro con Jesi

Gara assolutamente dignitosa anche per i più piccoli Ramon, Lorenzo e Luca, impegnati nella competizione “Maschietti/Giovanissimi” (2006-2007). Qui le squadre più forti avevano quasi tutte solo “Giovanissimi”, oppure “Maschietti” tra i primi della classifica nazionale di categoria. Noi avevamo qualche velleità almeno di puntare ai 16, ma la giornata storta di Luca, un Lorenzo a corto di allenamento ed un volenteroso ma troppo pasticcione Ramon (2007) non ci hanno consentito di puntare a quelle posizione a cui si poteva ambire legittimamente. Il primo match del girone era vinto facilmente su Viareggio per 36-16, con la società di Brescia si partiva bene, ma un passaggio a vuoto prima di Ramon e poi di Lorenzo ci mettevano il morale sotto i tacchi. Luca faceva quello che poteva per rimettere in piedi la baracca, ma si vedeva che non era nella sua giornata migliore, giusta quindi la sconfitta. Nella prima diretta ci toccava la squadra di Salò, ultima delle qualificate dopo la prima fase. Assalto che doveva filare via liscio, e che invece abbiamo dovuto combattere fino all’ultimo assalto, dove un Luca nel suo momento migliore della giornata rimontava e ci portava al turno successivo. Qui affrontavamo il Club Scherma Roma, squadra senza punte di primo piano, ma anche priva di punti deboli. Ed in una competizione a squadre basata sulla staffetta è più che fondamentale. I laziali rapidamente prendevano il controllo dell’assalto, e già metà incontro il destino sembrava chiaramente dalla loro parte, ai nostri restava solo che rimanere il più possibile in scia ed evitare un punteggio troppo pesante. Una peccato, perchè sappiamo che i nostri piccoli possono fare di meglio, ma le gare sono queste e non sempre tutto fila secondo i piani. 

Ripartiamo da questo 24° posto, e già tra due settimane cercheremo di tornare protagonisti nella terza, ed ultima, prova interregionale del GPG………C’mooooooon Ramon!!

#RoadtoRiccione2019

2° prova Nazionale Kinder+Sport – ASSISI

Assisi, 24-25 marzo 2018

Luca e Lorenzo con la campionessa Valentina Vezzali

Luca e Lorenzo con la campionessa Valentina Vezzali

Bella trasferta quella di Assisi. Il tempo clemente, non faceva caldissimo ma il tempo era sereno, ci ha permesso di godere appieno delle bellezze di questa cittadina umbra, così carica di storia non solo religiosa. Già al venerdì abbiamo pacificamente invaso il centro storico, visitando le principali chiese e musei nella quantità che il tempo ha permesso.

Le gare cominciavano sabato, con in pedana subito i nostri due “Giovanissimi” (2006) Matteo e Tommaso. Entrambi erano molto ansiosi di gareggiare, per loro sono ancora le prime gare importanti della carriera, e la cosa non ha giovato alla loro prestazione. Matteo è riuscito a battere la testa di serie del girone e n.8 d’Italia Bonardi, vendicando la sconfitta patita dallo stesso alla precedente prova di Asti, ma incappava in due sconfitte che lo mettevano dietro nella classifica dopo i gironi. Maluccio Tommaso, anche questa volta come a Rapallo eccessivamente nervoso, che finiva per perdere tutti gli assalti. Condannato dalla classifica a disputare il primo assalto per accedere al tabellone da 128 riusciva a passarlo a spese del milanese Demodena col punteggio di 10-5. Stesso punteggio che però gli veniva inflitto dal veneto Zanon che lo estrometteva dalla gara. Matteo accedeva già al tabellone da 128 dove ingaggiava un apro duello con il livornese Biondi. Botta dopo botta i due restavano sempre appaiati, e solo il punto nel minuto supplementare rompeva l’equilibrio a favore del nostro. Nell’assalto dopo Matteo pagava però lo sforzo e la tensione accumulati fino a quel momento, cendendo senza troppa lotta al pisano Tenze. La classifica finale vedeva Matteo al 48° posto e Tommaso al 127° su 164 partencipanti.

All’ora di pranzo salivano in pedana i più piccoli della categoria “Maschietti” (2007), per noi Luca e Lorenzo M. Anche per loro si è vista subito molta tensione per la gara, ed insolitamente Luca non brillava molto nel girone, dove per altro era testa di serie, raccimolando 3 vittorie e 2 sconfitte. Sulla stessa tonalità anche Lorenzo M. che chiudeva con 4 vittorie e 2 sconfitte. Primo assalto di diretta fatale per il nostro Lorenzo M., che usciva sconfitto dal bergamasco Villa per 7-10, pur lottando fino all’ultimo punto. Luca passava bene con il ligure Tabone per dare vita ad una entusiasmante battaglia con l’anconetano Chiarini, uno dei più forti della sua categoria. Assalto al cardiopalma risolto per un solo punto a favore del marchigiano: 7-8, con gli ultimi 30 secondi veramente sfortunati per il nostro Luca che non riusciva a mettere a segno la botta del pareggio. Concludevano la gara rispettivamente Luca al 57° e Lorenzo M. al 71° posto su 165 partecipanti.

Marco e Matteo con il maestro Paolo

Marco e Matteo con il maestro Paolo

Dopo la bella cena conviviale del sabato, dove il nostro Circolo ha letteralmente occupato tutto il salone ristorante, messo l’orologio avanti di un’ora è arrivata la giornata di domenica per i nostri atleti più grandi. Primi in pedana nella gara “Ragazzi” (2005) Gabriele e Marco, quest’ultimo al suo esordio in una gara così importante. I nostri hanno lottato come sempre, ma ancora non riescono a tradurre il lavoro in risultati concreti. Gabriele soprattutto, avendo perso per tre incontri nel girone per un solo punto, di cui due nell’extra-time. Concludevano la gara Gabriele 111° e Marco 135° su 143 partecipanti.

Bei miglioramenti quelli messi in pedana da Lorenzo A, nell’ultima gara che vedeva nostri atleti impegnati, la categoria “Allievi” (2004). Girone chiuso con 4 vittorie e 2 sconfitte. Prima diretta contro il romano Maddalena. Assalto condotto da Lorenzo sempre in vantaggio di 4-5 punti, e chiuso con un bel rush finale con il punteggio di 15-10. Nell’assalto successivo toccava al frascatano Iacuitto. Prima parte del match equilibrata, poi sembrava che il laziale dovesse arrivare ad una facile vittoria, con il punteggio che volava sul 8-14. Qui Lorenzo A. cambiava marcia, e soprattutto testa, rimotando punto su punto ad un esterefatto avversario. La prima frazione si chiudeva 13-14. Dopo il minuto di pausa, e il giusto consiglio del Maestro, arrivava subito anche la botta del pareggio. Sembrava oramai vicinissima l’impresa clamorosa, quando ancora un’altra volta la sfortuna decideva di metterci il suo timbro, questo era una parata e risposta inefficace di Renzo che rendeva possibile la rimessa di Iacuitti, e la botta della vittoria. Peccato perchè alla fine della gara il 46° posto ci sta decisamente stretto.

Abbiamo quindi un qualche credito con la fortuna, che ci ha stoppato in modo riccambolesco almeno due gare che potevano essere di ben altro spessore, si lavorerà per i prossimi impegni agonistici, sperando di riuscire a incassare questo credito al campionato italiano U14 a Riccione.

#roadtoRiccione2018

TREVISO : 1 Prova nazionale Gran Prix Kinder+Sport

Treviso, 9-10 dicembre 2017

Gabriele durante l'inno nazionale di inizio gara

Gabriele durante l’inno nazionale di inizio gara

L’anno agonistico si  è chiuso per il Circolo con la prima prova nazionale del G.P.G., ospitata a Treviso dalla locale società di scherma.

Sono stati sei i nostri Under14 che hanno gareggiato sulle pedane venete, poste nei due padiglioni della location trevigiana. Il miglior piazzamento l’ha riportato nella categoria “Giovanissimi” (2006) Matteo Borgogno, che ha terminato la sua gara al 28° posto. Matteo nel girone del primo turno ha finito con all’attivo 4 vittorie ed 1 sola sconfitta, patita dal livornese Pupilli, attuale n.1 del ranking nazionale. Nel primo assalto della diretta vinceva con netto 10-3 il romano Ciogli. Nel secondo match eliminava il livornese Sena, mostrando i suoi progressi sia tecnici che emotivi, che molto spesso in passato lo avevano un po’ bloccato nei momenti importanti delle gare. Nel tabellone dei 32 Matteo incrociava il siracusano Scalora, n.2 della gara e del ranking italiano, atleta ancora troppo forte per lui. La classifica finale era però un attestato concreto del buon lavoro svolto fino ad ora, e permetterà di guardare con fiducia alle prossime gare, sperando confermino questo trend positivo di crescita. Meno fortunato Tommaso, che nella stessa categoria si fermava al 76° posto, eliminato al primo incontro di diretta dal massese Mensi. Peccato per Tommaso Giraudo che aveva concluso il girone con 4 vittorie e 2 sole sconfitte, vincendo anche con una discreta sicurezza. Manca ancora a Tommaso la capacità di dominare la tensione negli assalti da “dentro o fuori”, servirà fare ancora qualche gara.

I nostri due esordienti della categoria “Maschietti” (2007) hanno entrambi patito molto l’emozione di una gara importante, ed anche la spropositata confusione e tensione che si è creata durante la loro gara, inserita al termine della giornata di sabato e che ha subito un po’ la disorganizzazione dell’evento. Lorenzo Macera in particolare è andato sotto le aspettative della vigilia, racimolando nel girone solo 2 vittorie. Va però ricordato che il nostro piccolo atleta era reduce da un infortunio al piede ed ha trovato un girone tutt’altro che facile, con dentro due atleti che sono arrivati alla fine (Contini 3° e Appicelli 12°). Nel primo incontro di diretta Lorenzo aveva la meglio sul trevigiano Gianolla, ma nella seconda cedeva la forte anconetano Chiarini. Meglio Luca che nel girone vinceva 5 assalti e perdeva solo dal ternano Urbani. Saltata la prima diretta grazie al 30° posto dopo il primo turno, vinceva il suo primo match con il mancino aretino Guadagni 10-5. Nel secondo incontro l’emozione, e forse anche le eccessive aspettative, avevano il sopravvento su Luca prima ancora dell’avversario. L’assalto partita con un parziale di 0-6 per il pisano Barsotti, dove gli errori del nostro erano di molto superiori ai meriti dell’avversario. quando finalmente Luca trovava la calma cominciava una rimonta, ma il suo avversario, decisamente più tranquillo, riusciva ad amministrare il suo vantaggio portando in porto la vittoria. Per Luca è arrivato un 39° posto finale che certamente saprà migliorare con la prossima gara nazionale, così come anche Lorenzo piazzatosi ad un 105° posto che sappiamo non essere assolutamente giusto per lui.

Tra gli “Allievi” (2004) era presente il solo Lorenzo Andruetto. Anche per lui vale un po’ lo stesso discorso dei più piccoli, al buon lavoro svolto finora in sala si contrappone una eccessiva tensione nell’approccio alla gara. Lorenzo partiva con tre sconfitte tutte per 5-4, riuscendo poi a rimettere in piedi la gara con due vittorie con il medesimo punteggio e un ultimo assalto concluso con un netto 5-0. Saltata la prima, si cominciava il tabellone di eliminazione diretta dal secondo giro batteva 15-7 il romano Ussia. Nel terzo turno trovava il siracusano Pagliaro, certamente bravo ma non il più difficile da trovare. Lorenzo partiva bene ma poi si perdeva nei suoi soliti errori tattici e tecnici, finendo battuto. Lorenzo terminava al 52° posto, e sarà da qui che ripartirà per migliorare la sua scherma nelle prossime gare.

Benino Gabriele tra i “Ragazzi” (2005), che riusciva a migliorare la sua ultima prestazione di Villa Guardia. Per lui 2 vittorie nel girone che gli consentivano di piazzarsi al 99° posto, sconfitto poi subito dall’aglianese Martini. 

Nel complesso per tutti è  stata una gara che ha prodotto certamente esperienza, qualcuno è riuscito ad esprimersi meglio, per altri la tensione ha giocato un brutto scherzo. Si continua a lavorare tutti assieme, con l’obiettivo di crescere di gara in gara, sia dal punto di vista schermistico che, molto più importante, da quello della personalità e della capacità di affrontare problemi e delusioni…………………C’moooooon Ramon!!!!!

2° prova nazionale GPG a Riccione

Riccione 25-26 marzo 2017

Matteo in un momento del girone

Matteo in un momento del girone

Bella esperienza quella che hanno vissuto i nostri U14 a Riccione. Per tutti è stata la prima gara nazionale della carriera, eccetto per Ale G che già aveva preso parte alla prima prova nazionale di Ancona a dicembre.

I nostri piccoli portacolori hanno dato il massimo per cercare di tenere alta la bandiera del Circolo, e si sono arresi ad avversari più forti cercando di lottare fino all’ultima stoccata.

I meglio piazzati della spedizione sono stati i nostri due “maschietti” Matteo e Tommaso. Il primo ha concluso con 2 vittorie il girone, riuscendo però a battere il siracusano Rapisarda nella prima diretta, ed entrando nel tabellone da 64. Tommaso vinceva 3 assalti nel girone e perdeva dopo una lotta all’ultima stoccata con il salernitano Memoli. Un ottimo esordio per entrambi in una difficile competizione nazionale.

Domenica erano in pedana i nostri “giovanissimi” Pietro e Gabriele. Purtroppo per loro una gara nazionale è ancora difficile da affrontare. Hanno lo stesso fatto esperienza, ed è stato bello vedere come comunque si sono impegnati fino all’ultimo per portare a casa il miglior risultato possibile.

Hanno chiuso la prima due giorni di Riccione i nostri “allievi” Giulio e Ale G. Il primo è il più esperto come militanza nel mondo della scherma, ma è comunque alla sua prima gara veramente importante. Per lui è stato un girone altalenante, dovo è riuscito a cogliere una sola vittoria. Foglio bianco per Ale, che anche in questa seconda gara non riesce a rompere il ghiaccio con il primo successo. Giulio trovava nella diretta il bresciano Nava, che dopo i risultati del girone era oltre 60 posizioni più avanti del nostro. Sulla carta non avrebbe dovuto esserci match, ed invece Giulio partiva a razzo ed arrivava in vantaggio 7-1 sul forte mancino lombardo. Piano piano l’avversario riusciva a rientrare in partita, e qui emergeva la poca esperienza del nostro Giulio nel gestire in gara queste situazioni. La rimonta terminava con un 15-13 per l’avversario, un vero peccato perchè con un pizzico di fortuna in più si poteva anche fare il colpaccio.

Nemmeno il tempo di rifiatare e siamo di nuovo in gara, questa volta a Casale Monferrato per l’ultima gara di qualificazione per il Gran Premio Giovanissimi. E come sempre…..C’moooon Ramon!!

1° Prova Nazionale GPG “Trofeo Kinder +Sport”

Ancona, 17 dicembre 2016

Alessandro (sx) e Simone impegnati nel riscaldamento pre-gara

Alessandro (sx) e Simone impegnati nel riscaldamento pre-gara

Il numero 17 dicono che porti “jella”, noi che non siamo superstiziosi non ci crediamo ma è certo che questo sabato 17 lo ricorderemo a lungo come una delle gare più sfortunate a cui il Circolo abbia mai partecipato. Per prima cosa una delle ondate di influenza più incredibile della storia ha letteralmente decimato i nostri piccoli atleti (e non ha risparmiato nemmeno i grandi e i tecnici!!), arrivando a mietere la sua ultima vittima proprio quando le sacche erano in macchina pronte per la partenza, con il povero Giulio rimasto al palo per un attacco febbrile.

I due superstiti, cioè Simone e Alessandro G., partivano alla volta del capoluogo marchigiano con la ferma intenzione di riuscire a portare a casa tanti punti, anche in prospettiva della gara nazionale a squadre di Bolzano. Il viaggio passava tranquillo, così come anche la nottata, e viste le premesse questo è stato già un grande risultato!

La gara invece non andava come si poteva sperare. Tutti e due si presentavano in pedana tesi, sia pure per ragioni opposte. Per Simone era un ritorno alle gare nazionali dopo un anno piuttosto travagliato che lo ha tenuto lontano anche dalle pedane per oltre 6 mesi. Nonostante in passato abbia già disputato gare di questa importanza, un girone con avversari difficili e la sua emotività lo portavano a chiudere con solo 2 vittorie all’attivo.

Alessandro invece era all’esordio assoluto in una competizione nazionale, e per lui è stata certamente una bella esperienza, carica di tensione e emozioni. Girone che volava via quasi senza accorgersene, con un assalto dietro l’altro dove in qualche occasione riusciva anche a vincere l’emozione e portare a casa qualche bella stoccata. Manca però ancora tanta esperienza e tanta “pedana” per riuscire a competere a questi livelli. Per Ale servirà come punto di riferimento per il futuro, sapere da dove si parte e cominciare a porsi qualche obiettivo per la prossima volta.

Simone usciva 76° dalla prima fase, che quindi gli imponeva già dal primo assalto di diretta l’affrontare un avversario meglio piazzato. Toccava a n.53 Cerbella, che si presentava come atleta arrembante e veloce. Simone aveva qualche difficoltà iniziale a prendere le misure dei suoi attacchi, ma poi trovata la chiave di volta dell’incontro passava a condurre per arrivare al 15-10 finale. Per l’accesso nei 32 c’era però l’anconetano Proietti ad aspettarlo, 9° del ranking nazionale e uno dei pretendenti alla vittoria, che poi infatti arriverà al 5° posto. Per battere avversarsi così bisogna ancora crescere molto, sia come scherma che come convinzione e, va anche detto, dal punto di vista fisico. Non c’era purtroppo storia, e per Simone la gara terminava con un piazzamento nei 64, ben lontano dai migliori.

Va detto che quando si parla di gare U14 si parla anche di ragazzi con tempistiche di sviluppo fisico molto diverse, e molto spesso chi riesce ad avere un aumento in centimetri e kili maggiore rispetto ai coetanei, ha poi in pedana un indubbio vantaggio. Ma questo non deve scoraggiare nessuno, tutti cresceremo, nel frattempo dobbiamo impegnarci come è stato fino ad oggi, ed il lavoro darà i suoi frutti.

Per concludere due link alla nostra galleria fotografica, uno per la pizzata di Natale e l’altro per la gara di Ancona.

Pizzata di Natale

Ancona