Brescia: 6° posto per Luca, a Torino 3° posto per Lavinia

Brescia, 24 novembre 2019

Luca, al centro, con le sue preziose scarpe appena vinte, assieme al maestro Paolo e a Lorenzo

Luca, al centro, con le sue preziose scarpe appena vinte, assieme al maestro Paolo e a Lorenzo

Sicuramente è stata una bella esperienza quella che ha offerto il primo International Fencing Challenge a tutti i suoi giovanissimi partecipanti. L’organizzazione è stata capace di ricreare la stessa atomosfera di una gara di Coppa del Mondo, utilizzando le medesime attrezzature per la zona delle finali con le pedane colorate galla, blu, rossa e verde, e la pedana centrale per il match conclusivo. I premi erano veramente allettanti, basti dire che al primo classificato di ogni gara è stata regalata una settimana ad un camp estivo, e tra questi ricchi souvenir uno è andato anche al nostro Luca, che si è classificato al 6° posto della gara Ragazzi/Allievi, ma essendo il migliore della categoria dei più piccoli ha ricevuto anche un paio di scherma da scherma del valore di 170euro. decisamente non male, oltre ad un buono sconto per l’acquisto di materiale da scherma ed un bellissimo trofeo creato apposta per la competizione (altro che solita medaglietta….).

Per arrivare a questo risultato non è stata però una passeggiata, perchè nello sport nulla è in regalo, nemmeno un premio. La presenza costante a tutti gli allenamenti, e questo da anni, è stata la solida base di partenza, il resto è la determinazione e l’abnegazione nel seguire i suggerimenti dati dal maestro a fondo pedana. Un girone e ben cinque assalti di eliminazione diretta, tutti a 15 stoccate, sono stati solo la parte finale di un lungo lavoro, fatto di tanti sacrifici, condotti tutti sempre al massimo delle possibilità. La gara non era poi cominciata nel migliore dei modi, con Luca che perdeva i primi due assalti, per poi riprendersi e vincere tutti quelli successivi. Il 44° posto dopo i gironi faceva però capire che la giornata sarebbe stata di quelle dure. Dopo la prima, facile, vittoria nel tabellone di eliminazione diretta, Luca doveva battere tre avversi tutti davanti a lui nella classifica: il rodigino Pattaro per 15-6, il monzese Villa (che lo aveva battuto nell’ultima gara) 15-12 ed infine il veronese Musa Romano 15-10. Solo in finale, davanti all’altro scaligero Favaro cedeva 5-15, considerando però che quest’ultimo è il n.2 d’Italia della categoria superiore. Una gara certamente eccellente, che aggiunge molta fiducia per la prossima prova nazionale di La Spezia. Purtroppo non bene la competizione degli altri tre nostri atleti in questa categoria. Lorenzo tornava nuovamente ad avere problemi al polso, ed era costretto al ritiro dopo appena due assalti del girone, per evitare guai peggiori, Tommaso e Matteo inaspettatamente concludevano la prima fase con solo una vittoria all’attivo, entrambi in giornata decisamente storta. Nelle dirette entrambi vinceva l’assalto del tabellone da 128, ma in quello da 64 venivano eliminati. Tommaso, con molto rammarico, dal monzese Villa, un assalto che ha condotto in vataggio fino al 14-11, prima di cedere dal punto di vista emotivo. Matteo con il bresciano Landriscina non entrava mai nell’assalto, concludendo con una sconfitta per 9-15 la sua gara. Entrambi dovranno lavorare molto sulla tenuta nervosa, fondamentale in uno sport di combattimento individuale. Una gara può sempre essere rimessa in piedi, e Luca lo ha dimostrato, a patto di non salire in pedana già sconfitti.

Cosa che dovranno bene imparare anche i nostri più piccoli, che nella categoria Maschietti/Giovanissimi sono stati eliminati decisamente troppo presto. Il migliore della compagnia è stato Ramon, che si è classificato al 23° posto, dando però l’idea che con maggiore determinazione avrebbe potuto anche puntare a qualcosa di più importante. Per lui girone altalenante, dove alternava buone prestazioni ad altre decisamente sottotono, concludendo con 3 vittorie e 2 sconfitte. bravo Vincenzo che replicava anche a Brescia le 4 vittorie della gara di Chiavari. Francesco con 2 vittorie, Guido Maria e Giancarlo con 1, restava indietro in classifica. Nella prima diretta perdevano in 3: Francesco, Giancarlo di misura da un giovanissimo fiorettista qatariota e Vincenzo, nonostante quest’ultimo abbia trovato un avversario più indietro nel tabellone, che lo batteva piuttosto nettamente. Guido Maria, più indietro di tutti, vinceva 10-4 con il monzese Galloni il primo match del tabellone da 128, per perdere anche lui nel tabellone da 64. Il solo Ramon superava questo scoglio, sconfiggendo 10-3 il monzese Bruzzesi. Assalto successivo però affrontato con l’attegiamento mentale sbagliato. Rossi di Brescia lo aveva sconfitto nel girone, ma questo non significa doverci perdere sempre. Nonostante l’assalto si sia risolto all’ultimo secondo e all’ultima stoccata, Ramon non ci ha mai creduto veramente fino in fondo, perdendo una bella occasione di giocarsi l’assalto per l’accesso alla fase finale. I nostri piccoli atleti hanno ancora da lavorare per trasformarsi in agonisti, alla loro età la differenza nei risultati e più frutto di un attegiamento più maturo piuttosto che da un qualche talento che, a quella età, non è ancora possibile individuare.

Lavinia dopo la premiazione con la nostra allenatrice Maija, che l'ha seguita durante la gara

Lavinia dopo la premiazione con la nostra allenatrice Maija, che l’ha seguita durante la gara

Nello stesso fine settimana di Brescia, a Torino si è disputata la seconda prova nazionale del Circuito Master. La nostra Lavinia ha conquistato il secondo podio consecutivo della stagione, giungendo al 3° posto dopo una buona gara. Nel successivo trofeo delle Regioni ha conquistato il secondo posto con la formazione della Lombardia, cosa consentita dal regolamento della gara in quanto, anche se piemontese, non avendo la regione schierato alcuna squadra ha potuto disputare la gara con la Lombardia.

Per tutto il nostro GPG la prossima gara sarà a La Spezia a metà dicembre, per la 1° prova Nazionale, lì dove i punti in palio saranno di quelli pesanti, e dove si potrà fare una grande esperienza affrontando i pari età più bravi d’Italia. La scherma è grande anche perchè offre queste possibilità uniche!

Chiudiamo con il 7° posto di Matteo ad Arcore

Arcore/Logarone 4 giugno 2017

Il nostro Matteo premiato dal campione olimpico di fioretto Andrea Cassarà

Il nostro Matteo premiato dal campione olimpico di fioretto Andrea Cassarà

Anche questa lunghissima stagione ha avuto la sua giusta conclusione, almeno per quello che riguarda la parte agonistica delle competizioni. Due le sedi di questo finale: Arcore e Longarone, la prima per il classico trofeo giunto XXI° edizione e in veneto per i campionati italiani Master.

Bravi tutti i nostri piccoli che si sono cimentati nell’ultima gara con un bel caldo afoso in una tensostruttura che non faceva girare un briciolo di aria. Una vera prova di resistenza, oltre che di scherma! Ovviamente la sfortuna non ha voluto fare mancare la sua presenza anche questa volta, dove è toccato al povero Tommaso doversi ritirare per un imprevisto infortunio. Ma nella sua garetta “maschietti/giovanissimi” bene hanno fatto i suoi compagni di avventura, riscattando così anche la sfortuna. Matteo, categoria “Maschietti” è riuscito a vincere due assalti di diretta è piazzarsi al 7° posto finale, Gabriele superava il primo e cedeva al forte gallaratese Bonardi, riuscendo a piazzarsi al 16° posto. Bravo anche il nostro Ale G, unico superstite della gara “ragazzi/allievi”, che si piazzava all’11° posto finale.

Nella gara Master di Longarone quest’anno abbiamo avuto in gara il solo Maurizio. Vuoi l’infelice scelta della location, vuoi il ponte, vuoi la sfortuna che quest’anno ha falcidiato di infortuni i nostri Master, alla fine non siamo riusciti a completare il programma come si sperava. Bravo lo stesso il nostro unico alfiere, che nella gara di fioretto cat. II (50-59 anni) coglieva un significativo 27° posto.

Adesso comincerà la fase di preparazione per la prossima stagione, con gli allenamenti estivi che si protrarranno fino al 20 luglio prossimo, ma prima la grande festa di fine anno mercoledì 7 giugno, a partire dalle ore 18:00, dove premieremo tutti i nostri soci che quest’anno hanno partecipato all’attività……C’moooon Ramon!!

Campionati Europei Master

Chiavari 24-28 maggio 2017

Mau_Lara_chiavari_EC17

Nel più puro spirito che anima questa categoria di agonisti-amatori, la partecipazione è aperta a tutti i tesserati delle federazioni europee. L’unico requisito richiesto è avere 40 anni, compiuti i quali si può liberamente decidere di rappresentare il proprio paese in questa competizione. E sono stati ben 350 gli italiani che nelle varie categorie si sono cimentati, portando a casa  titoli, piazzamenti, vittorie o anche solo la grandissima emozione per una volta in carriera di avere vestito l’azzurro.

In mezzo a qualche vecchia gloria, come per esempio il francese Laurent Bel, già campione del Mondo assoluto che giustamente ha vinto il titolo nella categoria II di fioretto (50-59 anni) o l’italiano Gabriele Magni, bronzo olimpico a Sidney 2000 qui argento continentale nella gara di spada categoria I (40-49 anni), c’erano anche un sacco di principianti e amatori, che male non hanno fatto e spesso hanno anche ottenuto importanti piazzamenti.

I nostri due portacolori sono stati Maurizio, nel fioretto categoria II, e Lara nella categoria I, fuori per infortunio prima la nostra Pamela e poi il nostro Maestro Paolo, che si è fatto male ad Ariccia e non è riuscito a riprendersi per la parte finale della stagione (salterà anche i campionati italiani Master a Longarone, peccato).

Maurizio in gara nella giornata di esordio di giovedì 24 maggio,  ha ottenuto 2 vittorie nel girone una contro l’italiano Santarelli e l’altra contro il turco Yaylioglu. Nell’eliminazione diretta cedeva poi al britannico Williams, chiudendo la gara con un onorevole 75° posto.

Sabato toccava a Lara, che è la nostra master più giovane come militanza, avendo iniziato la scherma solo la scorsa stagione. Ma questa poca esperienza non la intimorisce affatto, tanto che quest’anno ha preso parte a diverse gare del circuito nazionale, e non poteva certo mancare a quella più importante dell’anno! Girone senza vittorie, ma una “quasi” con la russa Volovodenko. Nella diretta perdeva dalla tedesca Kroggel 10-5 e terminava la gara al 36° posto.

A tutti e due i nostri baldi protagonisti il nostro più sincero “BRAVISSIMI”, per avere combattuto in questa prestigiosa arena con valore e passione, portando in Europa i valori della nostra piccola realtà.

Adesso i Master concluderanno la loro stagione con il campionato italiano, in programma dal 2 al 5 giugno a Longarone. Questa gara vedrà in scena anche la categoria inferiore come età, cioè la 0 composta da atleti dai 24 ai 39 anni, questo perchè a qualsiasi età è possibile iniziare la scherma, e trovare anche un circuito agonistico di pari età che possa stimolare anche la voglia di allenarsi con impegno e passione.

Master a Nocera Umbra e GPG a Cuneo

Cuneo 18 marzo 2017

Un momento dell'allenamento di Cuneo

Un momento dell’allenamento di Cuneo

Sabato scorso tutti i nostri iscritti delle categorie GPG e Prime Lame hanno preso parte ad un bellissimo allenamento presso la nuova sede del Club Scherma Cuneo, dove sono convenuti anche i pari età del Club Scherma Chivasso, oltre naturalmente ai padroni di casa, per un totale che ha superato le 30 presenze.Sono state 3 ore veramente intense, ma anche divertenti, alternate da blocchi di lavoro da circa un’ora ciascuno. Prima un lavoro atletico, poi un girone per tutti da 6-7 atleti divisi per categorie, infine un match con i ragazzi suddivisi per squadre non per società ma per risultati ottenuti nel girone.

E mentre i ragazzi si davano da fare in pedana seguiti dal Maestro Paolo e dagli altri istruttori presenti, i genitori si dedicavano alla visita della città e naturalmente all’assaggio dei famosi cuneesi, i celebri cioccolatini ripieni di liquore.

Alle 18:10 il rompete le righe per i ragazzi, con ben 10 minuti si ritardo sull’orario previsto!!

La nostra Lara impegnata in un assalto con l'ex nazionale giapponese Isomoto

La nostra Lara impegnata in un assalto con l’ex nazionale giapponese Isomoto

E mentre i piccoli sudavano a Cuneo, la nostra Lara andava fino a Nocera Umbra a disputare la gara del circuito nazionale Master. Per la nostra atleta un’altra bella esperienza che gli servirà certamente per il futuro, e speriamo anche come traino per le altre nostre ragazze seraliste. Altri punti per la società nel gran premio, nel quale speriamo di arrivare tra le prime 20 società d’Italia della categoria.

La gallery con le foto dell’allenamento di Cuneo

Master in evidenza nella prova nazionale di Busto

Busto Arsizio, 19 febbraio 2017

20170219_185719

Un momento della finale tra Nicoli e il nostro Maestro Paolo

In questo fine settimana così intenso per il nostro Circolo, tornano in pedana anche i nostri atleti “Over”, nelle varie categorie del Gran Prix Nazionale Master. Prima a scendere nell’agone agonistico della sede della storica società della Pro Patria, che tradizionalmente ospita la gara, è stata Lara, nella categoria I di fioretto. Sono state 16 le partecipanti, con un livello sicuramente alto. Per capire chi frequenta queste gare basti dire che la vincitrice Maki Isomoto nella sua carriera di nazionale giapponese può vantare una vittoria in coppa del Mondo assoluta. Lara si difendeva bene, per essere il suo primo anno di competizioni ed il secondo di scherma, riuscendo a portare a casa 1 vittoria e molti punti. La forte milanese Buongiardino metteva fine alla sua gara, piazzandola al 14° posto finale.

A seguire il nostro veterano, che oramai da anni frequenta le gare del circuito Master, ovvero Maurizio, questa volta nella categoria II. Girone da 7 con metà avversari sicuramente quotati e difficili ma l’altra metà alla portata. Con Vannucci, Sirena e Boccacci c’è stato poco da fare, ma parliamo di quelli che alla fine della gara sono arrivati 3°. 3° e 6°. si vinceva con Baldon ma poi la sfortuna metteva nel carniere due sconfitte arrivate veramente all’ultimo secondo. Un vero peccato, sarebbe bastata una vittoria in più per avere una diretta certamente migliore. Il destino invece rimetteva Maurizio di fronte la troppo bravo trevigiano Sirena. Tutto fu perso fuorchè l’onore, è il 10-5 finale ne è stata la testimonianza.

Ultimi a concorrere, quando oramai si era nel pomeriggio tardo, i più giovani (si fa per dire!!) della categoria I assieme con i ragazzotti della zero, ovvero quelli over23. Andrea era inserito nella gara dei più giovani del circuito, è considerando che anche lui è ancora alle prime armi, si è difeso con carattere e voglia di fare. Poco importa poi il risultato, ma nella sua gara ci sono tanti che ancora competono pienamente, allenandosi e disputando gare di ben altro spessore. Andrea è un appassionato amatore, che fa scherma con allegria e voglia di imparare, e siamo sicuri che in futuro con maggiore esperienza saprà anche dare maggiore filo da torcere a questi atleti.

E siamo arrivati anche alla gara più attesa, almeno per noi, quella del Maestro Paolo!! Ebbene si, questa volta si è schierato anche lui a fianco ai nostri ragazzi, per infondere coraggio a tutti. Girone difficilotto, come tradizione per il nostro Circolo, per cui fino a qui nulla di strano. Ma alla fine ne veniva fuori piazzandosi al n.7 del tabellone delle dirette. Saltata la prima, e visto il poco allenamento è stata una fortuna, nella seconda si finiva botta su botta con il dolomitico (e piuttosto granitico) Nani, battuto solo all’ultima stoccata. Più agevole il turno successivo con il genovese Barone, già battuto nel girone, che scivolava via per 10-4. Semifinale con il milanese Albano, bel match, anche questo chiuso all’ultima stoccata con solita rimonta finale. La semifinale era anche però la fine della benzina per il nostro Maestro, che con il poco allenamento e qualche acciacco non riusciva a dare battaglia come voleva, cedendo il titolo al toscano Nicoli. Ma terminato l’incontro ha subito dichiarato “Oggi sono arrivato 2°, ma adesso mi aggiusto il gomito e ad Ariccia ci riprovo”. E allora sotto ragazzi, dobbiamo assolutamente fargli vedere che anche noi non siamo da meno del Maestro, e portiamoci a casa tanti podi!!!

La gallery con le foto della gara di Busto