Termina la stagione 20/21, ripercorriamola con i nostri podi

Bressanone, 26 giugno 2021

Lavinia ai piedi del podio nella cat.2

Lavinia ai piedi del podio nella cat.2

Con la gara di oggi a Bressanone, i Campionati Italiani Master, si è conclusa ufficialmente la stagione agonistica 2020/21. Oggi la nostra unica partecipante Lavinia, ha ottenuto un lusinghiero 5° posto, fermandosi così ai piedi del podio. Peccato perchè dopo un girone con una sola sconfitta, sembrava potessere essere la giornata buona per aggiornare la statistica delle medaglie, ma una esperta avversaria cinese ci ha negato questa soddisfazione. Resta comunque una buonissima prova, visto che è la prima volta che Lavinia centra un ingresso nella top8 di un Campionato Italiano.

Da oggi l’attenzione del mondo sportivo sarà rivolta verso le Olimpiadi di Tokio, rimandate dallo scorso anno per i noti fatti. Per la scherma le competizioni saranno dal 24 luglio al 2 agosto. La nazionale italiana ha qualificato tutte e sei le squadre, avrà quindi il massimo possibile degli atleti in gara, e quindi anche delle possibilità di medaglia. Per il fioretto le gare individuali sono programmate per il 26 luglio fioretto femminile e per il 27 luglio quello maschile, le due gare a squadre saranno il 30 luglio quella femminile ed a chiudere il 2 agosto quella maschile. Come sempre attendiamo grandi risultati dai nostri rappresentanti, ricordiamoci sempre che la scherma è lo sport più medagliato alle Olimpiadi del nostro paese, e anche questa volta siamo certi terrà fede a questo ambito record.

Anche la nostra stagione, concentrata negli ultimi due mesi, ci ha portato podi e medaglie, oltre a ben 21 piazzamenti nella top8, è mancata solo la vittoria, che però nulla toglie alle ottime prestazioni di tutti i nostri atleti. Essere stati presenti in ben 13 occasioni sul podio tra argenti e bronzi, per altro con 10 atleti diversi, non è comunque un bottino da poco, per una Circolo in costante crescita agonistica come il nostro.

Rivediamo assieme, con una photogallery queste bellissime medaglie, partendo dalla prima, ottenuta a febbraio da Luca a Brescia, fino alle ultime del Campionato Regionale Assoluto a Torino :

Tornano anche le competizioni nazionali

Terni 9 maggio e Riccione 16 maggio

Tommaso impegnato durante la fase a gironi

Tommaso impegnato durante la fase a gironi

Il ritorno alle competizioni nazionali, sia Master che “Under”, ha segnato la definitiva ripresa delle attività agonistiche per la scherma. Un momento importante, e quanto mai atteso, considerando che lo stop si è protratto per 15 mesi, un tempo lunghissimo dove gli atleti hanno dovuto trovare gli stimoli per proseguire gli allenamenti nelle attività societarie, e poco altro.

Le gare si sono svolte in un clima sicuramente diverso da quello che abbiamo lasciato, soprattutto nelle gare dei più giovani si è sentita la mancanza degli spalti gremiti, ma dall’altra parte ha fatto godere a tutti una competizione con un parterre ordinato, ed una atmosfera che ha favorito la massima concentrazione da parte di tutti. I protocolli sono stati rispettati in maniera rigorosa, consentendo di partecipare alle competizioni nella massima sicurezza possibile, e difatti nel mondo della scherma, a oramai due mesi dal ritorno alle competizioni agonistiche (prima con le varie fasi regionali), non si sono registrati episodi di contagi, cosa che invece è avvenuta in altri contesti sportivi. Insomma la scherma è ripartita magari con minore fretta, ma con la certezza di riuscire a garantire standard si sicurezza elevati.

Premiazione della gara Master di Terni

Premiazione della gara Master di Terni

Dal punto di vista agonistico, abbiamo avuto due atleti impegnati in queste prima competizioni tricolori. Nella competizione Master a Terni è scesa in pedana la nostra Lavinia, una eccezione nel nostro Circolo che non rpevede corsi di avviamento per aspiranti schermitori adulti, che al ritorno alle gare ha cambianto categoria passando alla II (50-59 anni). Purtroppo non ha confermato nella prima uscita la sequenza di podi che si era interrotta causa covid la scorsa stagione, perdendo alla priorità l’assalto valevole per l’accesso alle semifinali. Si riparte comunque con un 6° posto, che certamente è migliorabile nella prossima gara di Carrara, ultima prima dei campionati italiani a Bressanone.

Nella kermesse dei più giovani a Riccione, abbiamo qualificato il solo Tommaso nella gara della categoria “Giovani”. Diciamo anche che qualificarsi nel fioretto in Piemonte non è impresa semplice, visti i pochissimi posti a disposizione, appena due per categoria, ma certamente nella gara di qualificazione della categoria “Cadetti” si poteva fare qualcosa di più. In ogni caso per il nostro Circolo era importante comunque esserci in questa manifestazione, a testimoniare un ulteriore passo in avanti nella crescita agonistica del nostro gruppo di giovani atleti. Siamo comunque la squadra nel settore giovanile più numerosa, e con l’età media più bassa nel settore Assoluto, quindi in futor possiamo solo crescere. Tommaso ha affrontato una gara difficile, lui al primo anno da cadetto messo in una gara con atleti anche 5 anni più grandi, ed in alcuni casi già passati al professionismo, allenandosi con costanza e serietà. Partito agli ultimi posti della “entry list” dei partecipanti, ha vinto due assalti del girone, e un altro lo ha perso all’ultima stoccata, riuscendo a qualificarsi per il tabellone di eliminazione diretta, e concludere con un onorevole 84°, un punto di partenza per la prossima stagione.

Adesso per i nostri ragazzi ci sono davanti ancora due impegni agonistici ufficiali: il 12 e 13 giugno saranno in pedana i nostri Under14, con una gara che sale di livello rispetto alla precedente per la presenza dei fiorettisti pari età della Liguria, mentre i grandi saranno impegnati il fine settimana successivo nel secondo giro dei campionati regionali. Entrambe le competizioni si svolgeranno a Torino presso il Palazzetto Le Cupole di Via Artom 111, ma non saranno ancora aperte al pubblico.

Termina il 2020 con la premiazione dei nostri atleti

Torino, 30 dicembre 2020

20201230_122444L’ultimo allenamento dell’anno solare è coinciso anche con la premiazione di fine stagione. Quest’anno non siamo riusciti a fare la premiazione della stagione 2019/20 nella nostra palestra, come tradizione nei primi giorni di giugno, perchè in quel periodo non era ancora possibile accedere ai nostri locali per le ben note normative anti covid19. Abbiamo deciso di aspettare quando avremmo potuto fare qualcosa di più simile alle precedenti edizioni, ma purtroppo la crisi sanitaria continua a limitare le attività sportive, e così si è dovuto tutto limitare ad una sobria cerimonia di consegna degli attestati e dei premi. Non è stato possibile fare nulla di più, saltando anche quegli eventi conviviali degli anni scorsi che seguivano questi momenti, ma abbiamo voluto lo stesso dare almeno la possibilità di seguire a distanza, facendo una diretta tramite la piattaforma ZOOM, la stessa utilizzata per i nostri allenamenti a distanza.

Sono stati premiati tutti i nostri campioni regionali della stagione 2019/20 : Lorenzo Andruetto per la categoria “Giovani/Cadetti”, Francesca Andruetto per la categoria “Bambine”, la squadra “Ragazzi/Allievi” composta da Tommaso Giraudo, Leonardo Naddei, Luca Juravle e Lorenzo Macera. Per tutti un diploma d’onore ad un passante bipolare di ultima generazione offerto dal Circolo. Menzione speciale per la nostra atleta “più grande” Lavinia Martini, vincitrice la scorsa stagione della Coppa Italia Master della sua categoria.

Successivamente sono stati premiati tutti i partecipanti ad almeno una prova del nostro torneo sociale, suddiviso in due categorie. Per i più piccoli del settore U12 ha vinto Vincenzo Laera, dopo un testa a testa con il compagno Guido Maria Frangioni, risolto solo all’ultima prova. Prima delle bambine Amanda Traverso, che ha anticipato nella classifica complessiva Francesca Andruetto, quest’ultima però capace di vincere una prova del torneo davanti a tutti i maschietti. Tra i grandi la vittoria è andata a Matteo Borgogno, atleta al primo anno della categoria Cadetti, che si era aggiudicato il torneo già con una prova d’anticipo. Piazza d’onore per Tommaso Giraudo, vincitore di due prove (la prima e l’ultima), a completare il podio Luca Juravle, primo degli U14, vincitore a sua volta di una prova. Per tutti i partecipanti c’è stata una medaglia, un diploma di merito, un cesto di prodotti dell’Azienda agricola AUREA, per i vincitori inoltre un premio speciale costituito da un lingotto artistico d’argento del peso di un’oncia.

Infine, il premio più importante, quello di “Atleta dell’anno 2019/20” del nostro sodalizio. Non è stata una scelta facile, perchè lo scorso anno la stagione si è interrotta a metà, proprio quando i nostri ragazzi stavano cominciando una crescita agonistica importante, per cui abbiamo anche attinto alle stagioni precedenti, volendo premiare non solo i risultati agonistici, ma anche la partecipazione agli allenamenti, alle competizioni ed a tutti gli eventi proposti dal Circolo. Il premio, veramente per poco, è andato a Tommaso Giraudo, che succede nel prestigioso albo d’oro a Luca Juravle. Per lui diploma d’onore ed un guanto JKO della EUROFENCING offerto dal Circolo.

Breve gallery della premiazione sociale 2020

Brescia: 6° posto per Luca, a Torino 3° posto per Lavinia

Brescia, 24 novembre 2019

Luca, al centro, con le sue preziose scarpe appena vinte, assieme al maestro Paolo e a Lorenzo

Luca, al centro, con le sue preziose scarpe appena vinte, assieme al maestro Paolo e a Lorenzo

Sicuramente è stata una bella esperienza quella che ha offerto il primo International Fencing Challenge a tutti i suoi giovanissimi partecipanti. L’organizzazione è stata capace di ricreare la stessa atomosfera di una gara di Coppa del Mondo, utilizzando le medesime attrezzature per la zona delle finali con le pedane colorate galla, blu, rossa e verde, e la pedana centrale per il match conclusivo. I premi erano veramente allettanti, basti dire che al primo classificato di ogni gara è stata regalata una settimana ad un camp estivo, e tra questi ricchi souvenir uno è andato anche al nostro Luca, che si è classificato al 6° posto della gara Ragazzi/Allievi, ma essendo il migliore della categoria dei più piccoli ha ricevuto anche un paio di scherma da scherma del valore di 170euro. decisamente non male, oltre ad un buono sconto per l’acquisto di materiale da scherma ed un bellissimo trofeo creato apposta per la competizione (altro che solita medaglietta….).

Per arrivare a questo risultato non è stata però una passeggiata, perchè nello sport nulla è in regalo, nemmeno un premio. La presenza costante a tutti gli allenamenti, e questo da anni, è stata la solida base di partenza, il resto è la determinazione e l’abnegazione nel seguire i suggerimenti dati dal maestro a fondo pedana. Un girone e ben cinque assalti di eliminazione diretta, tutti a 15 stoccate, sono stati solo la parte finale di un lungo lavoro, fatto di tanti sacrifici, condotti tutti sempre al massimo delle possibilità. La gara non era poi cominciata nel migliore dei modi, con Luca che perdeva i primi due assalti, per poi riprendersi e vincere tutti quelli successivi. Il 44° posto dopo i gironi faceva però capire che la giornata sarebbe stata di quelle dure. Dopo la prima, facile, vittoria nel tabellone di eliminazione diretta, Luca doveva battere tre avversi tutti davanti a lui nella classifica: il rodigino Pattaro per 15-6, il monzese Villa (che lo aveva battuto nell’ultima gara) 15-12 ed infine il veronese Musa Romano 15-10. Solo in finale, davanti all’altro scaligero Favaro cedeva 5-15, considerando però che quest’ultimo è il n.2 d’Italia della categoria superiore. Una gara certamente eccellente, che aggiunge molta fiducia per la prossima prova nazionale di La Spezia. Purtroppo non bene la competizione degli altri tre nostri atleti in questa categoria. Lorenzo tornava nuovamente ad avere problemi al polso, ed era costretto al ritiro dopo appena due assalti del girone, per evitare guai peggiori, Tommaso e Matteo inaspettatamente concludevano la prima fase con solo una vittoria all’attivo, entrambi in giornata decisamente storta. Nelle dirette entrambi vinceva l’assalto del tabellone da 128, ma in quello da 64 venivano eliminati. Tommaso, con molto rammarico, dal monzese Villa, un assalto che ha condotto in vataggio fino al 14-11, prima di cedere dal punto di vista emotivo. Matteo con il bresciano Landriscina non entrava mai nell’assalto, concludendo con una sconfitta per 9-15 la sua gara. Entrambi dovranno lavorare molto sulla tenuta nervosa, fondamentale in uno sport di combattimento individuale. Una gara può sempre essere rimessa in piedi, e Luca lo ha dimostrato, a patto di non salire in pedana già sconfitti.

Cosa che dovranno bene imparare anche i nostri più piccoli, che nella categoria Maschietti/Giovanissimi sono stati eliminati decisamente troppo presto. Il migliore della compagnia è stato Ramon, che si è classificato al 23° posto, dando però l’idea che con maggiore determinazione avrebbe potuto anche puntare a qualcosa di più importante. Per lui girone altalenante, dove alternava buone prestazioni ad altre decisamente sottotono, concludendo con 3 vittorie e 2 sconfitte. bravo Vincenzo che replicava anche a Brescia le 4 vittorie della gara di Chiavari. Francesco con 2 vittorie, Guido Maria e Giancarlo con 1, restava indietro in classifica. Nella prima diretta perdevano in 3: Francesco, Giancarlo di misura da un giovanissimo fiorettista qatariota e Vincenzo, nonostante quest’ultimo abbia trovato un avversario più indietro nel tabellone, che lo batteva piuttosto nettamente. Guido Maria, più indietro di tutti, vinceva 10-4 con il monzese Galloni il primo match del tabellone da 128, per perdere anche lui nel tabellone da 64. Il solo Ramon superava questo scoglio, sconfiggendo 10-3 il monzese Bruzzesi. Assalto successivo però affrontato con l’attegiamento mentale sbagliato. Rossi di Brescia lo aveva sconfitto nel girone, ma questo non significa doverci perdere sempre. Nonostante l’assalto si sia risolto all’ultimo secondo e all’ultima stoccata, Ramon non ci ha mai creduto veramente fino in fondo, perdendo una bella occasione di giocarsi l’assalto per l’accesso alla fase finale. I nostri piccoli atleti hanno ancora da lavorare per trasformarsi in agonisti, alla loro età la differenza nei risultati e più frutto di un attegiamento più maturo piuttosto che da un qualche talento che, a quella età, non è ancora possibile individuare.

Lavinia dopo la premiazione con la nostra allenatrice Maija, che l'ha seguita durante la gara

Lavinia dopo la premiazione con la nostra allenatrice Maija, che l’ha seguita durante la gara

Nello stesso fine settimana di Brescia, a Torino si è disputata la seconda prova nazionale del Circuito Master. La nostra Lavinia ha conquistato il secondo podio consecutivo della stagione, giungendo al 3° posto dopo una buona gara. Nel successivo trofeo delle Regioni ha conquistato il secondo posto con la formazione della Lombardia, cosa consentita dal regolamento della gara in quanto, anche se piemontese, non avendo la regione schierato alcuna squadra ha potuto disputare la gara con la Lombardia.

Per tutto il nostro GPG la prossima gara sarà a La Spezia a metà dicembre, per la 1° prova Nazionale, lì dove i punti in palio saranno di quelli pesanti, e dove si potrà fare una grande esperienza affrontando i pari età più bravi d’Italia. La scherma è grande anche perchè offre queste possibilità uniche!

Chiudiamo con il 7° posto di Matteo ad Arcore

Arcore/Logarone 4 giugno 2017

Il nostro Matteo premiato dal campione olimpico di fioretto Andrea Cassarà

Il nostro Matteo premiato dal campione olimpico di fioretto Andrea Cassarà

Anche questa lunghissima stagione ha avuto la sua giusta conclusione, almeno per quello che riguarda la parte agonistica delle competizioni. Due le sedi di questo finale: Arcore e Longarone, la prima per il classico trofeo giunto XXI° edizione e in veneto per i campionati italiani Master.

Bravi tutti i nostri piccoli che si sono cimentati nell’ultima gara con un bel caldo afoso in una tensostruttura che non faceva girare un briciolo di aria. Una vera prova di resistenza, oltre che di scherma! Ovviamente la sfortuna non ha voluto fare mancare la sua presenza anche questa volta, dove è toccato al povero Tommaso doversi ritirare per un imprevisto infortunio. Ma nella sua garetta “maschietti/giovanissimi” bene hanno fatto i suoi compagni di avventura, riscattando così anche la sfortuna. Matteo, categoria “Maschietti” è riuscito a vincere due assalti di diretta è piazzarsi al 7° posto finale, Gabriele superava il primo e cedeva al forte gallaratese Bonardi, riuscendo a piazzarsi al 16° posto. Bravo anche il nostro Ale G, unico superstite della gara “ragazzi/allievi”, che si piazzava all’11° posto finale.

Nella gara Master di Longarone quest’anno abbiamo avuto in gara il solo Maurizio. Vuoi l’infelice scelta della location, vuoi il ponte, vuoi la sfortuna che quest’anno ha falcidiato di infortuni i nostri Master, alla fine non siamo riusciti a completare il programma come si sperava. Bravo lo stesso il nostro unico alfiere, che nella gara di fioretto cat. II (50-59 anni) coglieva un significativo 27° posto.

Adesso comincerà la fase di preparazione per la prossima stagione, con gli allenamenti estivi che si protrarranno fino al 20 luglio prossimo, ma prima la grande festa di fine anno mercoledì 7 giugno, a partire dalle ore 18:00, dove premieremo tutti i nostri soci che quest’anno hanno partecipato all’attività……C’moooon Ramon!!