58° Gran Premio Giovanissimi

Riccione, 12-14 maggio 2022

Il nostro Edoardo si appresta a cominciare il primo campionato italiano della sua carriera

Il nostro Edoardo si appresta a cominciare il primo campionato italiano della sua carriera

La chiusura agonistica di questa stagione è stata affidata al Gran Premio Giovanissimi, la più importante kermesse nazionale degli Under14, dove ogni anno si assegnano i titoli tricolore per le categorie dai Maschietti e Bambine fino agli Allievi. Chiusura, come detto, ancora purtroppo il linea con una stagione decisamente sottotono per i nostri atleti. Nonostante la lunga stagione ricca di imprevisti e infortuni, qualche aspettativa in più si nutriva, visto che che nelle ultime settimane si era riusciti a riprendere il giusto ritmo degli allenamenti, ma evidentemente non sono bastate per recuperare quanto perso durante l’anno.

L’apertura delle gare per il nostro Circolo è stata il secondo giorno, con la categoria Maschietti, non avendo avuto nessun Giovanissimo che abbia voluto affrontare la trasferta. In pedana Edoardo Barettini e Alessio Zuddas. Gara diversa da tutte le altre di Riccione, in quanto per i più piccoli il regolamento prevede un doppio turno di girone, e poi una eliminazione diretta per il primo 80% della classifica dopo la prima fase. Molto emozionati, i nostri partivano decisamente maluccio, raccimolando una sola vittoria in due nel primo turno di girone. Un pochino meglio nel secondo giro, dove sia Edoardo che Alessio riuscivano a vincere rispettivamente tre e due assalti. Per il primo erano sufficienti per accedere al tabellone della diretta, mentre Alessio risultava il primo degli eliminati del primo turno, la sfortuna non ci ha abbandonato fino alla fine. Nel primo turno della diretta, il tabellone da 128, terminava anche la gara di Edoardo, e si andava così al secondo giorno.

Il venerdì avevamo in pedana la nostra Francesca Andruetto, nella categoria Ragazze, in cerca di una conferma del risultato di ottobre, dove approdò al tabellone da 32, ma anche di rilanciare un 2022 privo di risultati al livello dell’anno precedente. Purtroppo Francesca non riusciva ad ingranare subito, ed il girone terminava con all’attivo una sola vittoria, ed almeno altri due match buttati via per troppo nervosismo e poca lucidità. Francesca superava agevolmente il primo match della diretta, ma approdata al tebellone da 64 doveva cedere il passo in modo netto, chiudendo al 57° posto il suo campionato italiano.

Sabato, nell’ulltimo giorno, in pedana due categorie, al mattino gli Allievi, i più grandi in gara, e al pomeriggio i Ragazzi. Nella prima gara avevamo in lizza Giancarlo Fassinotti e Ramon Soncin. Dopo la buona prestazione di entrambi a Cavour, ci si aspettava una conferma, invece è stato purtroppo un piccolo passo indietro. Nel girone della prima fase meglio Giancarlo con tre vittorie ed altrettante sconfitte, mentre Ramon vinto il primo assalto subiva un lungo passaggio a vuoto, dove inanellava cinque sconfitte. Non andava meglio nella fase di elimninazione diretta, con entrambi i nostri atleti eliminati al primo turno, ovvero il tabellone da 128.

Ultime carte da giocare con i Ragazzi Francesco Garau, Guido Maria Frangioni e Vincenzo Laera. Primo quest’ultimo usciva meglio di tutti dal girone, con quattro vittorie e una sola sconfitta per 4-5. Malòuccio Guido Maria, con due sole vittorie, e Francesco con soltanto una. Nel primo turno della diretta il solo Vincenzo approdava al tabellone daa 64, mentre Guido Maria e Francesco venivano sconfitti ed eliminati. Al turno successivo terminava anche la gara del nostro ultimo atleta in gara, Vincenzo chiudeva così al 40° posto.