Giornata della memoria. Ricordiamo lo schermitore Oszkár Gerde

Torino, 27 gennaio 2021

Oszkár Gerde alle olimpiadi del 1908

Oszkár Gerde alle olimpiadi del 1908

Anche quest’anno, in occasione della giornata della memoria, voglia ricordare un appartenente alla gra de famiglia della scherma, che per causa della follia nazi-fascista, venne perseguitato per la sua origine ebrea.

Oszkár Gerde, nacque l’8 luglio 1883 a Budapest (Ungheria). Si avviò alla scherma nel Magyar Atlétikai Club della sua città natale, sotto la guida prima del Maestro László Borsody, e successivamente del celebre maestro italiano Italo Santelli. Partecipò con la nazionale magiara alle olimpiadi del 1908 a Londra e 1912 a Stoccolma, dove in entrambe le occasioni vinse la medaglia d’oro con la squadra di sciabola. Nella gara individuale venne invece eliminato nei gironi precedenti a quello conclusivo per le medaglie. Tra gli altri suoi titoli, anche quello di campione nazionale nel 1922, 1924 e 1925. Oszkár Gerde era uno schermidore esperto, calmo, ccon una scherma caratterizzata da rapidi fendenti, “il suo attacco è forte, la sua difesa di quarta e di terza è sicura, le sue riposte sono molto buone“.

Nel 1910 scese in duello, di quelli veri, con il compagno di squadra (e campione olimpico individuale) Jenő Fuchs. Lo scontro si rivelò tutt’altro che cortese, a giudicare dalle fonti dell’epoca, e di brevissima durata. Al primo assalto, Gerde con un fendente alla figura provocò una profonda ferita alla testa di Fuchs, che pose fine alla sfida. Ma non alla questione, visto che il ferito accusò il feritore di averlo colpito a tradimento, prima che il giudice desse effettivamente inizio al duello. I due al termine non si riconciliarono, come era uso all’epoca, in compenso rimediarono dall’autorità giudiziaria 44 giorni di prigione, preso la città di Vác, dove certamente avranno riflettuto sull’accaduto. Considerando che però alle olimpiadi del 1912 erano ancora nella stessa squadra, e possibile che il tempo passato in cella, abbia posto la questione per entrambi sotto altra luce.

Terminata la carriera sportiva, fu arbitro internazionale alle olimpiadi di Parigi del 1924, e vice presidente della federazione ungherese, nel cui ruolo venne coinvolto nelle olimpiadi del 1928 ad Amsterdam. Laureato in giurisprudenza praticò la professione di avvocato presso la Camera di commercio della capitale, fino al suo arresto e alla sua successiva deportazione, avvenuta nel 1944. L’8 ottobre di quell’anno trovò la morte nel campo di concentramento di Mauthausen-Gusen, in Austria a causa di una polmonite. Un cenotafio conserva la sua memoria nel cimitero di Farkasréti a Budapest.

Nel 1989 è stato inserito nella International Jewish Sports Hall of Fame.

Con il 2021 tornano le competizioni agonistiche

Torino, 23 gennaio 2021

slide_logoFinalmente comincia a verdersi una piccola luce in fondo al tunnel, grazie al progressivo miglioramento della situazione pandemica si cominciano nuovamente ad affacciare le competizioni nel nostro calendario agonistico.

Il primo fine settimana di febbraio potrebbe segnare l’ufficiale ripartenza, con la seconda edizione dell’International Fencing Challenge di Brescia, competizione che nella scorsa stagione riscosse un grande successo. Naturalmente si tratterà di una gara diversa, dove dovranno essere rispettati tutti i vigenti protocolli in materia di manifestazioni sportive. Avremo quindi un numero chiuso di partecipanti per ogni categoria, il limite di un solo accompagnatore per atleta, essendo una competizione riservata alle categorie Under14, con assegnazione dei posti a sedere in tribuna, percorsi separati per gli atleti, i tecnici ed i pochi spettatori, e per accedere alla struttura sarà necessario per tutti sottoporsi al tampone rapido di controllo. Ulteriore sforzo organizzativo per il C.O.L. con l’aggiunta di un giorno di competizioni rispetto alla scorsa edizione, per consentire il rispetto del numero massimo di presenze giornaliere all’interno della struttura. Parlando però della parte sportiva, che dovrà comunque essere quella più importante, lo scorso anno il nostro Luca Juravle si classificò al 6° posto della gara Ragazzi/Allievi, al termine di una prestazione per lui veramente buona, nonchè 1° classificato della sua categoria. Quest’anno ci riproverà presentandosi come “Allievo”, all’ultimo anno del Gran Premio Giovanissimi. Nella stessa gara di domenica iscritti anche Lorenzo Macera (2007) e Ramon Soncin (2008). Nella stessa giornata, ma in mattinata, sarà invece in pedana nella gara Maschietti/Giovanissimi il nostro Guido Maria Frangioni (2009). Sabato, tra le altre gare in programma, ci sarà l’esordio agonistico della nostra Amanda Traverso (2010), nella categoria Bambine/Giovanissime. Le iscrizioni non sono ancora chiuse, abbiamo tempo per aggiungere qualche altro atleta alla “entry list” della competizione.

Riparte anche il calendario federale nazionale per le categorie “Cadetti” e “Giovani”. In programma a metà mese di febbraio un “Test Event” a Lignano Sabbiadoro. Saranno ben 4 le giornate di gara, che vedranno in pedana tutte e le specialità, da giovedì 11 a domenica 14. Le gare maschili saranno nel fine settimana, sabato 13 i “Cadetti” e domenica 14 i “Giovani”. Questo “Test Event”, che vedrà anche in questo caso attivi tutti i protocolli previsti per gli eventi sportivi, sarà riservato a soli 49 atleti di ogni categoria, che verranno selezionati sulla base delle pre-iscrizioni in base al ranking nazionale di categoria.

Con l’anno nuovo è anche cominciato il nostro secondo torneo sociale. Questa volta saranno 10 le prove previste, con lo scarto dei 3 peggiori risultati. In palestra sono appese le date di tutti gli appuntamenti. Naturalmente da tenere sempre d’occhio, perchè il presentarsi di possibilità di nuove attività potrebbe modificare qualche data.

Nuova puntata del TGRF

La sigla iniziale del nostro TG

La sigla iniziale del nostro TG

Con il ritorno all’attività di allenamento in sala scherma, ritorna anche il nostro periodico video informativo. Pubblicata sul nostro canale YouTube la nuova puntata del nostro TG informativo. Qui sotto il link, assieme a quelli delle due puntate precedenti

TGRF 06.12.2020

TGRF 09.11.2020

TGRF 31.10.2020

Piemonte Zona Arancione : RIPARTONO GLI ALLENAMENTI

Torino, 29 novembre 2020

downloadA partire da oggi il Piemonte sarà “Zona Arancione”, un livello di rischio medio-alto, ma inferiore al precedente. Questa cambio di situazione, ci consente di riprendere gli allenamenti “in presenza”, già a partire dalla giornata di domani. L’alleggerimento delle restrizioni ha avuto origine dall’abbassamento degli indici di rischio pandemico, determinati dal ministero della sanità e dal Cts, questo per effetto dei sacrifici e delle rinuncie alle nostre buone abitudini che abbiamo applicato nelle scorse 3 settimane. Il Circolo è stato tra le realtà che, nonostante potessero proseguire l’attività in palestra, ha voluto prendere parte a questo momento di grave crisi in modo attivo, chiudendo le porte e ritornando all’attività a distanza tramite la piattaforma ZOOM. Ci sentiamo quindi fieri della nostra decisione, e della condivisione che ha trovato presso le famiglie ed i ragazzi, questi ultimi nonostante non vedessero l’ora di tornare in sala scherma, si sono applicati con impegno e costanza nella attività “ridotta”. Abbiamo quindi dato il nostro contributo, che anche se minimo e sicuramente non determinante in senso assoluto, è stato comunque importante per l’esempio civico che lo sport dovrebbe sapere dare sempre, e non solo in modo retorico quando tutto va bene.

Il ritorno in palestra non prescinde da tutte le norme ed i protocolli che sono comunque in vigore, tra l’altro proprio in occasione del licenziamento del DPCM 6 novembre 2020 da parte del governo, la Federscherma ha ulteriormente inasprito il protocollo di allenamento. Nei punti salienti, si è ribadito che non potranno essere utilizzati gli spogliatoi e le docce, pertanto i ragazzi dovranno arrivare possibilmente già cambiati, e così dovranno andare via al termine degli allenamenti. La mascherina dovrà essere tenuta bene indossata sul volto, per tutto il tempo di permanenza nella struttura, anche durante la fase attiva dell’allenamento. Per chi proviene da un comune di residenza diverso da Torino, sede del Circolo, dovrà avere con sè la documentazione che è stata inviata a tutti i soci, mentre per i residenti non è necessaria. Abbiamo modificato gli orari in funzione anche di un comodo ritorno a casa da parte di tutti, in considerazione del limite delle 22 per gli spostamenti senza autocertificazione.

Abbiamo pensato anche a quelli che non potranno essere presenti agli allenamenti, rimarrà quindi attiva la possibilità di collegarsi alla piattaforma ZOOM per seguire almeno la parte di preparazione atletica del Lunedì, Mercoledì e Venerdì. Restano sospesi i corsi di avviamento, che speriamo di potere riprendere dopo le festività natalizie, sempre considerando l’evoluzione della situazione sanitaria con le eventuale restrizioni all’attività in presenza.

Comunicato stampa n° 2 – stagione 2010-2021

Torino, 14 novembre 2020

IL CIRCOLO RAMON FONST PROSEGUE L’ATTIVITÀ CON GLI ALLENAMENTI SULLA PIATTAFORMA ZOOM: UNA SCELTA DI RESPONSABILITÀ

Nel mese di settembre il Circolo della Scherma Ramon Fonst era ripartito a pieno regime con l’attività di addestramento e preparazione degli atleti in palestra. Anche se erano ben consci che di gare non si sarebbe riparlato fino al nuovo anno, in due mesi di intenso lavoro gli atleti avevano recuperato un accettabile stato di forma e affinato i fondamentali tecnici. “Le procedure del protocollo Covid-19 ci ponevano vincoli non indifferenti, ma atleti e tecnici hanno dimostrato una grande capacità di adattamento, impensabile senza una genuina passione. – sottolinea il presidente, Paolo Cuccu – La stessa capacità i nostri atleti la stanno dimostrando da un paio di settimane, cioè da quanto siamo ritornati agli allenamenti a casa in collegamento telematico, resi possibili dalla piattaforma Zoom”. In realtà, nonostante le recenti restrizioni agli spostamenti e alle attività di vario genere in Piemonte, gli allenamenti in palestra avrebbero potuto proseguire. “Il Direttivo del Circolo ha riflettuto sull’opportunità o meno di continuare a convocare gli atleti in palestra, con tutte le precauzioni e gli accorgimenti adottati sin dall’estate scorsa. La scelta unanime è stata quella di fermarci, per partecipare allo sforzo dell’intera comunità nazionale per il contrasta alla pandemia. Lo sport non è e non può essere una sorta di isola felice estranea al contesto sociale ed economico nazionale. Dobbiamo tutti fare la nostra parte per battere il Covid-19, nella convinzione che la funzione educativa dello sport e della nostra disciplina in particolare si estrinseca proprio in scelte di responsabilità come questa. Tutti insieme stiamo contrastando il contagio e, quando sarà possibile, ritrovarsi prima in palestra e poi in gara ci farà apprezzare ancora di più il privilegio che ci è dato: quello di insegnare e di praticare la scherma”. Nella fase attuale gli atleti del Circolo Ramon Fonst possono contare sull’esperienza positiva vissuta, nonostante le immaginabili difficoltà, nella primavera scorsa, quando il sodalizio aveva prodotto contenuti multimediali, distribuiti ai soci tramite il canale YouTube della società. I filmati concernenti le sedute di allenamento atletico da svolgere a casa, con l’ausilio di attrezzi e oggetti che tutti posseggono, sono stati e sono molto utili agli atleti di tutte le categorie. Il maestro Paolo Cuccu ha anche preparato una scheda dedicata alla preparazione e alla cura dei gesti schermistici, con esercizi speciali che richiedono l’utilizzo di una semplice pallina da tennis. Un altro filmato tutorial ha consentito a tutti la creazione a casa di un vero e proprio bersaglio da allenamento, realizzato utilizzando cartone, spugna e colla. Altri video comprendono le schede di allenamento settimanali create dal preparatore atletico Giancarlo Calanni. Ogni scheda è oggetto di un video, che consente una migliore comprensione dell’esecuzione dei movimenti ed è correlata ad un file pdf, che gli atleti hanno ricevuto via e-mail. La novità più recente del canale YouTube del Circolo è il notiziario “TG Ramon Fonst”, che, con cadenza quindicinale, informa i soci, le famiglie e i semplici appassionati sulle iniziative del sodalizio, proponendo le testimonianze dei maestri di scherma e degli atleti. In primavera come nelle ultime due settimane, ad affiancare il canale tematico su YouTube ci sono le sedute di videoallenamento rese possibili dalla piattaforma Zoom, tre volte la settimana con il preparatore atletico e un’altra con il maestro Paolo Cuccu. Il Circolo della Scherma Ramon Fonst a.s.d. ha sede a Torino, strada Castello di Mirafiori 57/3. Nel periodo in cui la palestra è chiusa per informazioni si può contattare il presidente, maestro Paolo Cuccu al numero telefonico 329-8450469 o scrivere a info@ramonfonst-scherma.it