Nuove convenzioni per i protocolli COVID19

RaccomandazioniContagio_nVisti i nuovi protocolli per la prevenzione del contagio da COVID19, emanati dalla Federscherma a tutela della salute dei tesserati, il Circolo ha stipulato due nuove convenzioni, che troverete nella pagina apposita.

Con il centro di medicina sportiva ERGE, per quello che riguarda gli esami che gli atleti affetti da COVID19 e guariti, oppure abbiamo mostrato sintomi assimilabili, devono eseguire prima del rientro all’attività. Il centro eseguirà ecocardiogramma – Test Massimale – Spirometria per coloro che abbiamo già in  corso di validità una visita medica agonistica con il centro. Per gli altri si aggiungerà anche un nuovo certificato di idoneità agonistica, con la data del giorno della visita.

Per quanto riguarda i tamponi molecolari da eseguire nelle 48h precedenti il giorno della competizione alla quale si vuole partecipare, i nostri soci poitranno eseguirlo presso la FARMACIA SAN DOMENICO, in Corso Unione Sovietica 585, con la quale è stata attivata una apposita convenzione.

Maggiori informazioni alla pagina CONVENZIONI & SPONSOR

Piemonte ZONA ROSSA, prosegue comunque l’attività del Circolo

Torino, 15 marzo 2021

Da oggi il Piemonte entra in ZONA ROSSA, a causa dell’evoluzione negativa della crisi pandemica che perdura oramai da un anno. Sarà quindi consentito proseguire l’attività addestrativa solo per gli atleti che saranno impegnati in competizioni di rilevante interesse nazionale, come disposto dall’art.1 del DPCM in vigore, dovremo quindi ulteriormente rinviare l’avvio dei corsi per i principianti e le attività ludicomotorie per gli U10. Entrambe slitteranno al prossimo 12 aprile, con l’auspicio che per allora la situazione possa consentire il ripristino della piena attività sportiva.

Giornata della memoria. Ricordiamo lo schermitore Oszkár Gerde

Torino, 27 gennaio 2021

Oszkár Gerde alle olimpiadi del 1908

Oszkár Gerde alle olimpiadi del 1908

Anche quest’anno, in occasione della giornata della memoria, voglia ricordare un appartenente alla gra de famiglia della scherma, che per causa della follia nazi-fascista, venne perseguitato per la sua origine ebrea.

Oszkár Gerde, nacque l’8 luglio 1883 a Budapest (Ungheria). Si avviò alla scherma nel Magyar Atlétikai Club della sua città natale, sotto la guida prima del Maestro László Borsody, e successivamente del celebre maestro italiano Italo Santelli. Partecipò con la nazionale magiara alle olimpiadi del 1908 a Londra e 1912 a Stoccolma, dove in entrambe le occasioni vinse la medaglia d’oro con la squadra di sciabola. Nella gara individuale venne invece eliminato nei gironi precedenti a quello conclusivo per le medaglie. Tra gli altri suoi titoli, anche quello di campione nazionale nel 1922, 1924 e 1925. Oszkár Gerde era uno schermidore esperto, calmo, ccon una scherma caratterizzata da rapidi fendenti, “il suo attacco è forte, la sua difesa di quarta e di terza è sicura, le sue riposte sono molto buone“.

Nel 1910 scese in duello, di quelli veri, con il compagno di squadra (e campione olimpico individuale) Jenő Fuchs. Lo scontro si rivelò tutt’altro che cortese, a giudicare dalle fonti dell’epoca, e di brevissima durata. Al primo assalto, Gerde con un fendente alla figura provocò una profonda ferita alla testa di Fuchs, che pose fine alla sfida. Ma non alla questione, visto che il ferito accusò il feritore di averlo colpito a tradimento, prima che il giudice desse effettivamente inizio al duello. I due al termine non si riconciliarono, come era uso all’epoca, in compenso rimediarono dall’autorità giudiziaria 44 giorni di prigione, preso la città di Vác, dove certamente avranno riflettuto sull’accaduto. Considerando che però alle olimpiadi del 1912 erano ancora nella stessa squadra, e possibile che il tempo passato in cella, abbia posto la questione per entrambi sotto altra luce.

Terminata la carriera sportiva, fu arbitro internazionale alle olimpiadi di Parigi del 1924, e vice presidente della federazione ungherese, nel cui ruolo venne coinvolto nelle olimpiadi del 1928 ad Amsterdam. Laureato in giurisprudenza praticò la professione di avvocato presso la Camera di commercio della capitale, fino al suo arresto e alla sua successiva deportazione, avvenuta nel 1944. L’8 ottobre di quell’anno trovò la morte nel campo di concentramento di Mauthausen-Gusen, in Austria a causa di una polmonite. Un cenotafio conserva la sua memoria nel cimitero di Farkasréti a Budapest.

Nel 1989 è stato inserito nella International Jewish Sports Hall of Fame.

Con il 2021 tornano le competizioni agonistiche

Torino, 23 gennaio 2021

slide_logoFinalmente comincia a verdersi una piccola luce in fondo al tunnel, grazie al progressivo miglioramento della situazione pandemica si cominciano nuovamente ad affacciare le competizioni nel nostro calendario agonistico.

Il primo fine settimana di febbraio potrebbe segnare l’ufficiale ripartenza, con la seconda edizione dell’International Fencing Challenge di Brescia, competizione che nella scorsa stagione riscosse un grande successo. Naturalmente si tratterà di una gara diversa, dove dovranno essere rispettati tutti i vigenti protocolli in materia di manifestazioni sportive. Avremo quindi un numero chiuso di partecipanti per ogni categoria, il limite di un solo accompagnatore per atleta, essendo una competizione riservata alle categorie Under14, con assegnazione dei posti a sedere in tribuna, percorsi separati per gli atleti, i tecnici ed i pochi spettatori, e per accedere alla struttura sarà necessario per tutti sottoporsi al tampone rapido di controllo. Ulteriore sforzo organizzativo per il C.O.L. con l’aggiunta di un giorno di competizioni rispetto alla scorsa edizione, per consentire il rispetto del numero massimo di presenze giornaliere all’interno della struttura. Parlando però della parte sportiva, che dovrà comunque essere quella più importante, lo scorso anno il nostro Luca Juravle si classificò al 6° posto della gara Ragazzi/Allievi, al termine di una prestazione per lui veramente buona, nonchè 1° classificato della sua categoria. Quest’anno ci riproverà presentandosi come “Allievo”, all’ultimo anno del Gran Premio Giovanissimi. Nella stessa gara di domenica iscritti anche Lorenzo Macera (2007) e Ramon Soncin (2008). Nella stessa giornata, ma in mattinata, sarà invece in pedana nella gara Maschietti/Giovanissimi il nostro Guido Maria Frangioni (2009). Sabato, tra le altre gare in programma, ci sarà l’esordio agonistico della nostra Amanda Traverso (2010), nella categoria Bambine/Giovanissime. Le iscrizioni non sono ancora chiuse, abbiamo tempo per aggiungere qualche altro atleta alla “entry list” della competizione.

Riparte anche il calendario federale nazionale per le categorie “Cadetti” e “Giovani”. In programma a metà mese di febbraio un “Test Event” a Lignano Sabbiadoro. Saranno ben 4 le giornate di gara, che vedranno in pedana tutte e le specialità, da giovedì 11 a domenica 14. Le gare maschili saranno nel fine settimana, sabato 13 i “Cadetti” e domenica 14 i “Giovani”. Questo “Test Event”, che vedrà anche in questo caso attivi tutti i protocolli previsti per gli eventi sportivi, sarà riservato a soli 49 atleti di ogni categoria, che verranno selezionati sulla base delle pre-iscrizioni in base al ranking nazionale di categoria.

Con l’anno nuovo è anche cominciato il nostro secondo torneo sociale. Questa volta saranno 10 le prove previste, con lo scarto dei 3 peggiori risultati. In palestra sono appese le date di tutti gli appuntamenti. Naturalmente da tenere sempre d’occhio, perchè il presentarsi di possibilità di nuove attività potrebbe modificare qualche data.

Nuova puntata del TGRF

La sigla iniziale del nostro TG

La sigla iniziale del nostro TG

Con il ritorno all’attività di allenamento in sala scherma, ritorna anche il nostro periodico video informativo. Pubblicata sul nostro canale YouTube la nuova puntata del nostro TG informativo. Qui sotto il link, assieme a quelli delle due puntate precedenti

TGRF 06.12.2020

TGRF 09.11.2020

TGRF 31.10.2020